Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Esame da avvocato, rinvio negato a una praticante incinta. Ma il Tar le dà ragione

Esame da avvocato orale ma non virtuale: la soluzione ipotizzata da via Arenula
La commissione esaminatrice non avrebbe tenuto conto della salute della donna, che aveva chiesto il differimento della seconda prova a causa di una gravidanza a rischio. Ma per i giudici la maternità va sempre tutelata
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Il Tar di Bologna accoglie il ricorso di un’aspirante avvocata di Agrigento riconoscendo la «assoluta preminenza delle ragioni di tutela della salute della donna in stato di gravidanza e del nascituro». La donna, dopo aver superato la prima prova di abilitazione alla professione presso la Corte di Appello di Bologna, aveva chiesto infatti il rinvio del secondo orale fissato per il 6 dicembre 2021 ad una data compatibile con il proprio stato di salute, trovandosi in una gravidanza a rischio. Ma, come riporta “Agrigento Notizie”, la commissione esaminatrice aveva concesso il differimento entro e non oltre il 15 dicembre.

Un «atto offensivo alla maternità», secondo i legali della donna. I quali hanno sostenuto che la risposta della commissione esaminatrice rappresentasse una vera e propria «discriminazione di genere a danno di una gestante» e una violazione del principio di uguaglianza. Gli avvocati hanno dimostrato infatti che la donna non sarebbe stata in grado di sostenere l’esame al pari degli altri candidati, e che in ogni caso la decisione si poneva in contrasto con le disposizioni a tutela della gravidanza e della maternità, e quindi di tutela della salute della donna e del nascituro. Una tesi accolta pienamente dal Tar, che ha ordinato la disposizione di una sessione d’esame compatibile con la condizione di salute della donna.

 

Ultime News

Articoli Correlati