Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

La procura (col Domani) trova il colpevole della pandemia: è il ministro Speranza

L'accusa ipotizzata dai pm di Bergamo è quella di epidemia colposa. E ricorda tanto il processo agli scienziati che non seppero prevedere il terremoto dell'Aquila
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

La pandemia? Tutta colpa del ministro Speranza. Lo scoop arriva dalle pagine del Domani e dalle parole – ma non era passata la norma sulla presunzione di innocenza che chiedeva discrezione alle procure? -, le parole, dicevamo, del procuratore capo di Bergamo che a quanto pare ha già emesso la sua sentenza: «Il ministro Speranza non ha raccontato cose veritiere, anche questo dovremo valutare».

Insomma, secondo la procura di Bergamo che da mesi ascolta i familiari delle vittime della prima ondata, la diffusione del Covid in Italia è dovuta alla sciatteria dei vertici del ministero della Salute. Ora, per amor di verità una cosa va detta: il piano pandemico italiano era fermo da anni, ben prima peraltro dell’avvento di Speranza. Questo di certo non lo giustifica, l’assenza di quel piano è di certo una grave mancanza politica. Ma ipotizzare che la pandemia sia esplosa a causa di questa lacuna è pura fantascienza. Anche perché il Covid ha dilagato ben oltre i confini nazionali, ha colpito paesi che pensavano di poterlo fronteggiare meglio di noi.

Certo, qualcuno obietterà: almeno una parte dei morti di Bergamo si potevano evitare. Difficile dirlo: l’Italia è stato il primo paese europeo ad essere investito in pieno dal Covid, sorpreso da un virus ingestibile e del quale non si sapeva nulla; la sensazione è che nessun piano pandemico avrebbe potuto salvare le vite che abbiamo perso e l’inchiesta della procura ricorda tanto il processo agli scienziati che non seppero “prevedere” il drammatico terremoto dell’Aquila.

Ultime News

Articoli Correlati