Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Via libera dell’Ema per il vaccino ai bambini nella fascia 5-11 anni

vaccini
L'ente regolatorio Ue accomanda di concedere un’estensione dell’indicazione per il vaccino anti-Covid di Pfizer/BioNTech già approvato per gli over 12
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Via libera dell’Agenzia europea del farmaco Ema al vaccino anti-Covid per i bimbi under 12. Il Comitato per i medicinali a uso umano (Chmp) dell’ente regolatorio Ue ha raccomandato di concedere un’estensione dell’indicazione per il vaccino anti-Covid Comirnaty* di Pfizer/BioNTech, per includere l’uso nei bambini di età compresa tra 5 e 11 anni. Il vaccino è già approvato dai 12 anni in su.

Nei bambini di età compresa tra 5 e 11 anni – ricorda l’agenzia – la dose da somministrare sarà inferiore a quella utilizzata nelle persone di età pari o superiore a 12 anni (10 microgrammi rispetto a 30 µg). Come nel gruppo d’età più avanzata, il vaccino viene inoculato con due iniezioni nei muscoli della parte superiore del braccio, a distanza di3 settimane l’una dall’altra. Il Chmp invierà ora la sua raccomandazione alla Commissione europea, che emetterà una decisione finale.

«Gli effetti indesiderati più comuni nei bambini di età compresa tra i 5 e gli 11 anni» ai quali è stato somministrato il vaccino Pfizer/BioNTech «sono simili a quelli riscontrati nelle persone di età pari o superiore a 12 anni» e «includono il dolore al sito di iniezione, stanchezza, mal di testa, arrossamento e gonfiore al sito di iniezione, dolore muscolare e brividi», ha precisato l’Agenzia europea per i medicinali nel parere che ha dato il via libera alla somministrazione del vaccino Pfizer ai bambini di età compresa tra i 5 e gli 11 anni. «Questi effetti sono generalmente lievi o moderati e migliorano entro pochi giorni dalla vaccinazione», hanno garantito gli esperti. Pertanto l’ Ema ha concluso «che i benefici di Comirnaty nei bambini di età compresa tra i 5 e gli 11 anni superano i rischi, in particolare in quelli con condizioni che aumentano il rischio di una forma grave Covid-19».

Ultime News

Articoli Correlati