Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Di Matteo: «Altro che correnti. A condizionare il Csm anche cordate di polizia giudiziaria»

Intervistato da Andrea Purgatori, su la 7, l'ex pm della presunta "Trattativa" parla di «cordate» attorno ad alcuni magistrati e «composte da ufficiali di polizia giudiziaria e da esponenti estranei alla magistratura»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

«Io temo che, soprattutto negli ultimi anni, si siano formate anche al di fuori o trasversalmente alle correnti, delle cordate attorno a un procuratore o a un magistrato particolarmente autorevole, composte da ufficiali di polizia giudiziaria e da esponenti estranei alla magistratura che pretendono, come fanno le correnti, di condizionare l’attività del Consiglio superiore della magistratura e dell’intera magistratura». A parlare così, secondo anticipazioni riportate ilfattoquotidiano.it, è Nino Di Matteo, ex pm del processo Trattativa e ora consigliere del Csm. Intervistato da Andrea Purgatori ad Atlantide, in onda stasera su La7,  l’autore del libro I nemici della giustizia spazia dal caso Palamara alle inchieste di mafia e corruzione alla contiguità tra politica e criminalità organizzata. Fino alla riforma della Giustizia, voluta dalla ministra Marta Cartabia, liquidata come «pessima».

«Con l’appartenenza alle cordate  vieni tutelato nei momenti di difficoltà, la tua attività viene promossa, vieni sostenuto anche nelle tue ambizioni di carriera» e l’avversario «diventa un corpo estraneo da marginalizzare, da contenere, se possibile da danneggiare», secondo Di Matteo. Non solo, «la logica dell’appartenenza è molto simile alle logiche mafiose», è «il metodo mafioso che ha inquinato i poteri, non solo la magistratura».

Secondo il consigliere del Csm, il «sistema» delle correnti del quale Luca Palamara era solo una «pedina», al quale si affianca quello delle «cordate».

Ultime News

Articoli Correlati