Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Muore soffocato dal vomito durante la sua esecuzione

I boia hanno utilizzato un cocktail letale già oggetto di polemiche. Il reporter dell’Ap presente in sala: «Mai visto un orrore del genere»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

È morto in preda alle convulsioni, soffocato dal suo vomito in un’agonia inimmaginabile per un paese civile. John Grant, un afroamericano di 60 anni, condannato a morte nel 2000 per l’omicidio di un dipendente della prigione, ha terminato così i suoi giorni.

I boia hanno usato un cocktail letale probabilmente con sostanze e dosaggi che ne hanno causato lo strazio, ma apparentemente si tratta di una procedura regolare. Questo protocollo era già stato applicato nel 2014 e nel 2015, ma l’evidente sofferenza dei detenuti ha portato lo stato a dichiarare una moratoria sulle esecuzioni.

John Grant «ha iniziato a tremare poco dopo la prima iniezione», ha detto il reporter dell’Ap Sean Murphy, che ha assistito alla scena. Ha avuto circa 20 convulsioni e ha vomitato diverse volte prima di svenire. «Ho visto 14 esecuzioni, non ho mai visto niente del genere», ha detto. Il suo calvario ha immediatamente scatenato forti critiche. «L’Oklahoma aveva bloccato i suoi ultimi tre tentativi di esecuzione prima della sua pausa di sei anni, ma apparentemente non ha imparato nulla da quell’esperienza», ha commentato Robert Dunham, che gestisce il Death Penalty Information Center (Dpic).

Qualche giorno fa, i servizi penitenziari dell’ Oklahoma avevano tuttavia affermato in un comunicato stampa che il loro protocollo era «umano ed efficace» e che le esecuzioni potevano riprendere. L’avvocato di alcuni detenuti, Dale Baich, ha detto che ci sono ancora «serie domande» sul dolore causato dal cocktail letale e la sua conformità con la Costituzione degli Stati Uniti, che vieta «punizioni crudeli e insolite». «Un processo su questa particolare questione dovrebbe iniziare a febbraio e le esecuzioni non dovrebbero riprendere prima di allora», ha detto. Mercoledì una corte d’appello gli ha dato ragione e ha sospeso l’esecuzione. Ma le autorità dell’ Oklahoma si sono immediatamente appellate alla Corte Suprema degli Stati Uniti per ribaltare la decisione. Senza spiegare le sue ragioni, l’Alta corte ha infine dato il via libera all’esecuzione in extremis. I tre giudici progressisti, tuttavia, hanno chiarito che non erano d’accordo con la maggioranza conservatrice.

Il protocollo contestato combina un sedativo, il midazolam, e un anestetico, destinato a prevenire il dolore prima dell’iniezione di cloruro di potassio a dose letale.

È stato usato nel 2014 per giustiziare Clayton Lockett, ma il condannato è morto in apparente agonia per 43 minuti. Nel 2015, un altro condannato, Charles Warner, si lamentò che il suo «corpo stava bruciando» prima di morire, poichè i boia avevano usato il prodotto sbagliato. Lo stesso errore si è quasi ripetuto nel settembre 2015 e un’esecuzione è stata rinviata all’ultimo minuto.

In seguito a questi fallimenti, un gran giurì ha avviato un’indagine e le autorità hanno accettato di sospendere l’applicazione della pena di morte.

 

Ultime News

Articoli Correlati