Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Elezioni anticipate? Enrico Letta è tentato: “La voglia c’è…”

Enrico Letta
Il segretario del Partito democratico, Enrico Letta a tutto campo su green pass, elezioni anticipate, lavoro e pensioni. "Ora usciamo dalla pandemia".
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

C’è la tentazione di elezioni anticipate dopo il risultato delle amministrative? “No. Ci sarebbe, perché è andata talmente bene che a me potrebbe venire voglia” dice il segretario del Pd Enrico Letta, ospite ieri di “Che tempo che fa”. “Noi siamo il 12% del Parlamento, perché tra la sconfitta del ’18 e le scissioni successive siamo una forza piccola in Parlamento. In questo momento bisogna ancora uscire dalla pandemia, tenere la barra dritta. Io penso che l’Italia abbia dato il giusto esempio, ma penso che l’Italia debba perseguire su questa strada” afferma il leader dem.

Bisogna “continuare con un governo che sta facendo bene – ribadisce – che sta impostando una legge di bilancio importante e deve dare segnali significativi su grandi temi: salute, istruzione, beni di cui ci siamo resi conto doppiamente durante la pandemia”. “Gli italiani guardano oggi a questo governo come al governo della ripartenza – sottolinea ancora – E’ fondamentale che questa fase sia una fase in cui ci si concentri sulle cose concrete”. Quanto al futuro, “non posso immaginare che il nostro Paese dopo il governo Draghi generi un governo a guida Meloni e Salvini. Quei due partiti, Fdi e Lega, sono i due partiti italiani legati, in Europa, a tutti gli altri antieuropeisti”. Questa prospettiva “deve spingere tutte le forze europeiste, democratiche e progressiste a mettere da parte gli aspetti personali. Ho una responsabilità: quella di federare e mettere insieme”, rimarca l’ex premier.

Su Green Pass e vaccini “non possono esserci ambiguità – avverte poi – Le ambiguità che hanno avuto Meloni e Salvini in questi mesi dimostrano che c’è una differenza rispetto al resto del sistema. Il nostro Paese ha bisogno che tutti si vaccinino. Se riparte un’emergenza come è ripartita in Inghilterra, o come rischia di ripartire in Austria, succede che le terapie intensive tornano piene”.

Sul tema del lavoro Letta dice che il governo deve dare “un forte messaggio, noi vogliamo ridurre le tasse sul lavoro in modo tale che i lavoratori abbiano in busta paga più soldi”. Per il segretario dem occorre anche “una riforma dell’apprendistato”. “Stiamo creando una generazione di precari – avverte – e non va per niente bene”. Inoltre, “va riformato il reddito di cittadinanza: deve rimanere come lotta alla povertà. Ma per il lavoro ci devono essere altri strumenti”.

Riguardo alle pensioni, per il leader dem “è sbagliato il metodo della quota. Quota 100 è stato un errore, è ovvio che chi ne ha usufruito è contento” ma si tratta di “uno strumento diseguale, che discrimina le donne per come è organizzato il mercato del lavoro nel nostro Paese. La prima cosa da fare è la flessibilità a seconda dei lavoratori gravosi… E poi c’è la questione delle donne: ‘Opzione donna’ è un messaggio importante per dire che bisogna riconoscere qualche cosa rispetto a questa penalizzazione” nei confronti delle donne.

Quanto a Mps, “ho l’impressione che Unicredit pensasse di partecipare a una svendita e invece il Mef è stato assolutamente corretto nel modo col quale ha portato avanti questa vicenda: aveva preso degli impegni di valorizzazione, non soltanto del grande patrimonio di esperienza e del legame col territorio, e poi stiamo parlando del più antico marchio di banca nel mondo. Non si poteva arrivare a una svendita. Adesso ovviamente c’è bisogno di avere più tempo nel rapporto con l’Europa per avere altre opzioni sul tavolo, e che queste opzioni riescano ad applicare quei punti che il ministro Franco aveva messo in evidenza a fine luglio in Parlamento”.

Parlando del ddl Zan, il segretario del Pd spiega: “Chiederò in questi giorni ad Alessandro Zan, al padre di questa legge, di fare un’esplorazione con le altre forze politiche per cercare di capire le condizioni che possano portare a un’approvazione rapida del testo”. “Io non voglio lasciare nulla di intentato, perché la legge possa essere veramente approvata e che tutti i capisaldi della legge possano diventare realtà – prosegue – Quella norma deve diventare norma per il bene del nostro Paese e della nostra società”. “Lanceremo le agorà democratiche” per “dare la possibilità a ogni cittadino, anche chi non ha votato il Pd, di discutere e mettere in campo le sue idee” dice poi Letta. “E’ il tentativo di allargamento del campo, discuteremo dei temi e lo faremo con sei personaggi esterni: Carlo Cottarelli, Andrea Riccardi, Elly Schlein, Monica Frassoni, Gianrico Carofiglio, che farà da coordinatore, e Anna Maria Furlan“.

Ultime News

Articoli Correlati