Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Amministrative, Morra presenta la lista: Lucano e De Vito tra gli “impresentabili”

A soli due giorni dal voto, la commissione parlamentare Antimafia, presieduta da Nicola Morra, presenta la lista definitiva dei cosiddetti "impresentabili" alle amministrative. Sono in tutto dieci: 9 alle Comunali e uno alle Regionali
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

A soli due giorni dal voto, la commissione parlamentare Antimafia, presieduta dal senatore grillino Nicola Morra, presenta la lista definitiva dei cosiddetti “impresentabili” alle amministrative. Sono in tutto dieci: 9 alle Comunali e uno alle Regionali. Di questi, quattro sono candidati alle Comunali di Roma. Si tratta di Marcello De Vito, Maria Capozza – entrambi di Forza Italia – e di Viorica Mariuta e Antonio Ruggiero, di Movimento Idea Sociale.

A spiccare, tra tutti, è il nome di Marcello De Vito, ex M5S e presidente dell’assemblea Capitolina in questa legislatura, ora candidato nelle liste di Forza Italia per il Comune di Roma con Enrico Michetti, a cui carico c’è un decreto di giudizio immediato per corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio. Una scelta che, però, non sorprende Carlo Calenda che, in una piazza del Popolo gremita di sostenitori accorsi per la chiusura della sua campagna elettorale, commenta a LaPresse: «Non c’era bisogno. Era già inserito d’ufficio, diciamo». Tra gli impresentabili c’è anche l’ex sindaco di Riace, Mimmo Lucano, condannato ieri in primo grado a 13 anni e due mesi di reclusione nel processo sui presunti illeciti nella gestione dei migranti nell’ambito del processo Xenia. Lucano è candidato all’assemblea regionale della Calabria a sostegno dell’uscente sindaco di Napoli, Luigi De Magistris. La Commissione definisce “impresentabile” un candidato in base a criteri che rinviano alla cosiddetta legge Severino e al codice di autoregolamentazione Antimafia. Si può dunque essere considerati “impresentabili” nel caso di condanne, anche se non definitive, per alcune tipologie.

«Questa sentenza ha dimostrato che c’è in Italia un problema di applicazione della norma», commenta il presidente della Commissione parlamentare Antimafia, Nicola Morra,r iguardo alla condanna dell’ex sindaco Mimmo Lucano. «Mi piacerebbe che la stessa attenzione e inflessibilità mostrata con il candidato ed ex sindaco Lucano venisse manifestata da altri tribunali e procure nei confronti di soggetti che magari sono stati oggetto di esposto o denuncia senza che vi sia stato alcun provvedimento da parte delle procure che, evidentemente, avranno accertato la non sussistenza dei fatti denunciati, questo posso concludere, o forse  no».

 

 

Ultime News

Articoli Correlati