Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

«La Chiesa continua a non accettare che si “ tolga la vita” a qualcuno»

«Nel testo dell'intervista mons. Paglia non ha mai detto "la vita è sacra", come gli si attribuisce tra virgolette nel titolo di prima pagina»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Egregio Direttore, la semplificazione che si adotta nei titoli ha causato un fraintendimento delle parole e della posizione di mons. Vincenzo Paglia e della Pontificia Accademia per la Vita, di cui è Presidente dal 2015.

Nel testo dell’intervista mons. Paglia non ha mai detto “la vita è sacra”, come gli si attribuisce tra virgolette nel titolo di prima pagina. Ha detto, più correttamente e precisamente: “La Chiesa, come ogni umanesimo da Ippocrate in poi, continua a non accettare che si “tolga la vita” a qualcuno (questa è l’ eutanasia)”.

Inoltre Mons. Paglia non ha detto “noi siamo contrari a chi vuol dare la morte”, come viene ripetuto anche a pagina 2 nella frase di sintesi in neretto. Mons. Paglia ha ribadito, piuttosto, che «La Chiesa da parte sua è e resterà sempre contraria all’eutanasia intesa come “dare la morte” ad un altro, aldilà delle motivazioni». Si tratta di due importanti specificazioni, perché la linea della Chiesa e della Pontificia Accademia per la vita non è “contro” qualcuno.

E su questo tema importante, delicato, controverso (sul piano etico e scientifico), da parte della Pontificia Accademia non c’è alcuna volontà di “dare battaglia”. Non vogliamo e non dobbiamo dare l’impressione che ci siano anatemi degni di altri tempi storici, oggi del tutto sorpassati ( e davvero inutili).

La Chiesa che conosciamo qui in Accademia, è una Chiesa che dialoga, argomenta, discute, nel rispetto dell’interlocutore e nella consapevolezza delle acquisizioni scientifiche. In questo caso, poi, è necessario un dibattito informato, trasparente, pubblico, portando all’attenzione tutti gli elementi utili e necessari che mons. Paglia elenca ( cure palliative, cosa accade negli altri paesi in cui l’eutanasia è legge, rispetto della fragilità, consenso informato, no all’accanimento terapeutico).

Grazie per l’attenzione.

FABRIZIO MASTROFINI

Media Manager Pontificia Accademia per la Vita

 

Ultime News

Articoli Correlati