Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Facebook e Twitter si mobilitano per proteggere gli account afghani

Facebook e Twitter si mobilitano per proteggere gli account afghani
Facebook e Twitter lavorano per proteggere gli account degli afghani. L'obiettivo è quello di rimuovere la possibilità di visualizzare e cercare gli utenti.
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Facebook si mobilita per proteggere gli account degli utenti afghani dopo l’ascesa dei talebani nel Paese. L’azienda afferma di aver «rimosso la possibilità di visualizzare e cercare» tra l’elenco degli amici sul social «gli account Facebook in Afghanistan» per proteggere gli afghani dalle rappresaglie. Anche LinkedIn ha avviato provvedimenti in questo senso nascondendo le connessioni di tutti gli utenti del paese. Lo riporta la Bbc, spiegando che si teme che i talebani utilizzino i social media per tenere traccia degli oppositori.

Le misure di sicurezza aggiuntive sono state annunciate giovedì dal capo della politica di sicurezza di Facebook, Nathaniel Gleicher. «Abbiamo lanciato uno strumento per le persone in Afghanistan, per bloccare rapidamente il loro account. Quando il profilo è bloccato, le persone che non sono loro amici non possono scaricare o condividere la loro foto del profilo o vedere i post sul loro diario», ha scritto Gleicher su Twitter, aggiungendo che anche su Instagram – di proprietà di Facebook – «stiamo lanciando avvisi pop-up in Afghanistan con passaggi specifici su come proteggere il tuo account».

Da Facebook supporto alle persone afghane

Gleicher ha aggiunto cheFacebook «sta lavorando a stretto contatto con le nostre controparti nell’industria, nella società civile e nel governo per fornire tutto il supporto possibile per aiutare a proteggere le persone». In precedenza, il gigante della tecnologia ha confermato che continuerà a vietare i contenuti talebani dalle sue piattaforme poiché considera il gruppo un’organizzazione terroristica.

Anche Twitter al lavoro

Nel frattempo, Twitter ha dichiarato che la sua «priorità assoluta è mantenere le persone al sicuro e rimaniamo vigili». «La situazione in Afghanistan è in rapida evoluzione. Stiamo anche assistendo a persone nel paese che utilizzano Twitter per cercare aiuto e assistenza». Twitter è stato messo sotto esame per la sua gestione dei contenuti relativi ai talebani. I portavoce dei talebani hanno infatti utilizzato la piattaforma per aggiornare le loro centinaia di migliaia di seguaci, mentre il gruppo militante riprendeva il controllo dell’Afghanistan.

In risposta alle domande della BBC all’inizio di questa settimana sull’uso di Twitter da parte dei talebani, un portavoce della società ha ricordato la politica della società contro le organizzazioni violente e la condotta odiosa. Secondo le sue regole, Twitter non ammette gruppi che promuovono il terrorismo o la violenza contro i civili.

In una dichiarazione inviata via e-mail alla BBC, un portavoce di una società di LinkedIn ha dichiarato: «Il nostro team sta monitorando da vicino le conversazioni sugli sviluppi in Afghanistan e sta prendendo provvedimenti su qualsiasi contenuto che non segue le nostre politiche della comunità professionale. «Abbiamo anche adottato alcune misure temporanee, inclusa la limitazione della visibilità delle connessioni per i nostri membri nel paese».

Ultime News

Articoli Correlati