Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

L’Anm “sale sul carro”: «Fondate le nostre denunce sulla riforma Cartabia»

Anm
Giuseppe Santalucia, presidente dell'Anm, in un'intervista al Corriere della Sera, si prende parte dei meriti per le modifiche alla riforma Cartabia.
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Giuseppe Santalucia, presidente dell’Anm aveva bocciato la riforma Cartabia. Ora che è emendata, dice al Corriere della Sera «è positivo. Significa che le nostre critiche non erano infondate e la nostra denuncia sulle conseguenze provvida». Allarme ritirato? «No – afferma -. C’erano varie soluzioni per abbreviare i processi. Abbiamo scelto la più pericolosa. Non si possono mandare in fumo i processi solo perché il tempo per celebrarli è troppo breve. Lo dicono anche accademici di indiscusso prestigio».

Santalucia (Anm) sui processi complessi

Per il presidente dell’Anm (Associazione nazionale magistrati), il sistema di proroghe per processi complessi «aiuta, ma gli elenchi sono monchi. C’è la violenza. Perché lo stalking no? E i reati ambientali particolarmente gravi? E gli infortuni sul lavoro che generano un morto al giorno, tanto complessi da accertare?». E ancora: «Si scarica sul giudice la scelta che avrebbe dovuto fare il legislatore. Occorreva una riflessione più attenta prima di introdurre l’improcedibilità. Ci avevano già pensato, con la commissione Fiorella e la commissione Riccio, ma è sempre stata accantonata per la particolare difficoltà di costruire una disciplina accettabile che sappia distinguere le varie tipologie di processo».

Ultime News

Articoli Correlati