Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Addio al “fine processo mai” col sì dei ministri grillini

Ok del governo al testo "Cartabia 2". Vincono Draghi e la guardasigilli: no del Movimento alla prima bozza, decisivo il restyling che lascia 5 anni in appello per chi “agevola” i clan
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Riscriveranno un giorno la storia del lodo Draghi e forse si scoprirà che il premier ha avuto un colpo di genio, una finta di quelle che riescono ai grandi campioni, da Garrincha in su. Prima mette sul tavolo un nuovo emendamento Cartabia che recepisce quasi tutte le richieste. Incluse quelle della Lega, ma soprattutto dei 5 Stelle. Tutte. Tranne una.

Nel ddl penale riveduto e corretto in mattinata da Draghi e Cartabia c’è un processo “no limits” almeno potenziale per il 416 bis e il terrorismo, oltre che per il narcotraffico in forma associativa e la violenza sessuale su minori o di gruppo. C’è persino lo scambio politico-mafioso, l’arcinoto 416 ter del codice penale. Manca una cosetta che, a confronto del resto, pare un dettaglio insignificante: la mannaia dell’improcedibilità non è esclusa per il 416 bis 1, l’articolo che punisce i reati commessi da soggetti non intranei al consesso criminale ma che comunque «agevolano» i boss, ivi incluso il generico concorso esterno. Apriti cielo. Ministri 5 Stelle che fanno sapere alle agenzie «così non ci stiamo». Sembra una barzelletta. Consiglio dei ministri sospeso, capigruppo e commissione Giustizia della Camera disperate, ad alambiccare sui tempi del voto. Tragedia politica. Tutto quanto sopra si verifica poco prima delle 15. Poi dopo quasi tre ore, la sorpresa: «Accordo raggiunto». Lo comunica proprio uno dei ministri pentastellati, il responsabile ai Rapporti col Parlamento Federico d’Incà: «Accordo unanime».

Roba da non credere. Cosa è successo? Testualmente, che Mario Draghi presenta ai ministri, per il secondo tempo della riunione a Palazzo Chigi, un ulteriore emendamento Cartabia, il terzo della serie se si considera quello salutato con approvazione dagli stessi grillini l’8 luglio scorso. E cosa cambia nella terza e ultima bozza, quella che sigilla il via libera politico al ddl penale? Che i famosi reati del 416 bis 1, quelli appunto di concorso esterno o che agevolano l’associazione mafiosa, rientrano in un «regime speciale»: sono fulminati da improcedibilità dopo 6 anni in appello (5 anni dal 2025 in avanti). Giubilo. Riforma fatta. Si corre in commissione, da domani mattina, e poi in Aula, non più tardi di dopo domani. Su queste colonne era stato anticipato qualche giorno fa, ma non con un carico di suspence degno di Hitchcock (o Garrincha).C’è un ulteriore colpo di classe, nell’accordo al cardiopalmo siglato nel pomeriggio, e porta stavolta la prima firma della professoressa Marta Cartabia: come spiega la stessa guardasigilli a Consiglio dei ministri appena sciolto, c’è pure «l’impegno a ritirare tutti gli emendamenti che erano stati presentati dalle forze di maggioranza», per «concludere il lavoro in Parlamento su questa importantissima riforma prima della pausa estiva». Ergo, in commissione Giustizia verrà approvato il solo “maxiemendamento” Cartabia. Da 400, le proposte dei gruppi si riducono alle sole poche decine che provengono da Fratelli d’Italia.

Al momento di andare in stampa l’Aula resta formalmente convocata per oggi, ma uno slittamento a domani non guasterebbe i piani di Draghi e Cartabia: resterebbe intatta la possibilità di ottenere il contingentamento dei tempi nell’emiciclo di Montecitorio, in virtù della norma che ne consente l’attivazione «dal mese successivo alla presentazione delle misure in Assemblea». Dettaglio che contribuisce a rendere l’idea di un piccolo capolavoro di astuzia politica. Di sicuro, la vittoria oltre che al premier va ascritta alla ministra della Giustizia, capace della pazienza necessaria a incassare cazzotti nello stomaco senza perdere la lucidità per il colpo decisivo. «È una giornata importante, lunghe riflessioni e lavoro per venire a un accordo, c’è stata un’approvazione all’unanimità, con la convinzione di tutte le forze politiche» dice Cartabia. Che aggiunge: «Abbiamo apportato degli aggiustamenti alla luce del dibattito molto vivace sviluppato in queste settimane sia da parte delle forze politiche che degli uffici giudiziari». Riferimento innanzitutto alle obiezioni di Nicola Gratteri e Federico Cafiero de Raho sull’improcedibilità per i reati di mafia. «L’obiettivo è garantire una giustizia celere all’interno della ragionevole durata del processo e, allo stesso tempo, che nessun giudizio vada in fumo».

Come ci si arriva, in dettaglio? Con l’articolo 14 bis, riveduto e corretto, del ddl 2435, l’ormai mitologica riforma del processo penale, presentata l’anno scorso alla Camera da Alfonso Bonafede. In particolare, il 14 bis è immutato nella parte già acclamata a Palazzo Chigi a inizio luglio, vale a dire per l’introduzione dell’improcedibilità dopo 2 anni in appello e 1 anno in Cassazione, esclusi i reati punibili con l’ergastolo e chiarito che l’imputato possa rinunciare alla morte del processo esattamente come per la prescrizione. La riformulazione condivisa oggi all’unanimità dai ministri prevede innanzitutto la norma transitoria suggerita dal Pd, in base alla quale, fino al 31 dicembre 2024, il tempo limite oltre il quale il giudice dichiara improcedibile il giudizio è innalzato a 3 anni in secondo grado e a un anno e 6 mesi in Cassazione. C’è quindi un triplo regime speciale.

Il primo qualora il giudizio d’impugnazione sia «particolarmente complesso»: in tal caso, il giudice può concedere una proroga di un anno in più in appello e 6 mesi in sede di legittimità. Il secondo regime speciale, decisivo per l’intesa coi 5 Stelle, riguarda appunto l’articolo 416 bis 1, per il quale il giudice potrà concedere «ulteriori proroghe» di un anno in appello, fino a un totale di 6 anni (che diventano 5 per le impugnazioni proposte dal 1° gennaio 2025 in poi). Infine la terza eccezione, che lascia potenzialmente infinite le «ulteriori proroghe» a disposizione del giudice d’appello (e della Suprema Corte) per i seguenti reati: 416 bis, scambio politico mafioso, terrorismo (se la pena prevista non è inferiore a 5 ani), ma anche i reati inseriti su input di Matteo Salvini e Giulia Bongiorno, ossia la violenza sessuale su minori o di gruppo e l’associazione a delinquere finalizzata al traffico di droga. Proroghe analoghe anche per i giudizi susseguenti a rinvio in appello.

A sfibrante partita chiusa, il presidente dell’Unione Camere penali Gian Domenico Caiazza fa comunque notare che gli scontri a cui si è assistito restano «finalizzati a ottenere norme di valore solo simbolico e mediatico». Il responsabile Giustizia di Azione Enrico Costa ricorda che «la riforma Bonafede è definitivamente archiviata» e che «questa» è «la notizia». Matteo Renzi infierisce sulla prescrizione voluta tre anni fa dal Movimento: è «il caro estinto». Salvini esprime «soddisfazione», e Andrea Orlando nota il superamento della «irragionevole riforma» del suo successore a via Arenula. Fino a Pierantonio Zanettin, capogruppo di Forza Italia in commissione, che pure chiosa in modo indovinato: «Viene finalmente cancellato il fine processo mai e già questo risultato giustifica ampiamente ogni mediazione». Forse è davvero così.

Ultime News

Articoli Correlati