Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

«Dare voce al Foro sull’uso dei fondi»: dalle assise tante idee per il Recovery

Dedicata ai limiti del Pnrr la prima delle sessioni nella giornata inaugurale
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Dire che gli avvocati hanno fatto solo e sempre da spettatori nell’iter delle riforme e nei progetti per il Recovery sarebbe eccessivo. Ma nel congresso forense è molto condivisa l’idea che a mancare sia soprattutto una “articolazione più pervasiva” del Foro nell’amministrazione della giustizia e nei progetti per il dopo pandemia. È un po’ la conclusione della prima fra le tre sessioni di dibattito tenute ieri, dedicata a “Le risorse: il Pnrr e la destinazione del Recovery fund”. La necessità di un coinvolgimento ancora maggiore dell’avvocatura ricorre nelle premesse dei moderatori, dalla consigliera Cnf Isabella Stoppani alla componente Ocf Francesca Palma. È lei a chiedere «una presenza più forte della professione forense nei tavoli ministeriali sui progetti» . D’altronde, ricorda a sua volta Stoppani, «adesso l’intera struttura della giustizia risente di paradossi come la destinazione dei costi sostenuti dai cittadini per accedervi, solo in parte utilizzati per finanziare i tribunali». E l’altro componente dell’ufficio di coordinamento Ocf chiamato a moderare, Giovanni Stefanì, segnala anche la dimensione limitata delle risorse Ue per l’edilizia giudiziaria: «Non bastano neanche a completare la cittadella di Bari».

Maggiore coinvolgimento: un obiettivo che pure richiede coesione. Lo ricorda il consigliere Cnf Francesco Napoli, sempre dal tavolo di presidenza della sessione: «Dobbiamo saper offrire una visione più unitaria possibile». Il che non pregiudica la ricchezza e la varietà delle proposte, fra cui si notano quelle di Vinicio Nardo, presidente del Coa di Milano: «Dobbiamo anche essere capaci di un cambio culturale sul valore della nostra attività, con un approccio meno udienzocentrico, che premi il nostro sapere, non le nostre trasferte». Ma l’unità non è dietro l’angolo. Lo ricordano anche le diverse valutazioni critiche che, nella stessa tavola rotonda, arrivano dal segretario Anf Luigi Pansini. Il quale parte in realtà da una proposta secca e originale sul ddl civile: «Nelle cause in cui il giudice ne ravvisa l’opportunità perché il quadro è chiaro, la nostra proposta è consentirgli di invitare le parti subito alle precisazioni in modo da andare in decisione». Prova che, al di là dei conflitti ordinamentali, un’avvocatura unita e incisiva nel rapporto con la politica è possibile.

 

Ultime News

Articoli Correlati