Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Il Pd pronto a “rivedere” la riforma della giustizia. Ma Cartabia: “Trattative chiuse”

Oggi l'incontro tra Conte e Draghi. Il Pd prova a mediare sulle modifiche grilline alla riforma della giustizia ma la ministra Cartabia chiude
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Ex premier contro premier. L’incontro tra Giuseppe Conte, appena investito della carica di leader dei 5S da Beppe Grillo, e il presidente del consiglio Mario Draghi è uno spartiacque della maggioranza di governo. Conte proverà a portare a casa modifiche sostanziali della riforma della giustizia Cartabia, Draghi dovrà decidere se cedere o tenere il punto.

Secondo Francesco Verderami del Corriere della sera, l’ex premier Giuseppe Conte giudica il testo di Cartabia più o meno un colpo di spugna, visto che «centocinquantamila processi rischiano di svanire nel nulla. Mentre il premier la pensa esattamente al contrario, ma si limiterà a prendere atto di quanto ascoltato perché ritiene che il modo migliore per portare a casa il provvedimento sia restare fermi: ha dalla sua il deliberato del Consiglio, dove i ministri del M5S hanno votato l’impianto proposto dalla Guardasigilli. E chissà se farà notare all’ospite che, criticando la riforma, di fatto sta sfiduciando i suoi rappresentanti al governo. E certo che Draghi non accetterà di mediare ancora sul testo e sulla tempistica parlamentare per la sua approvazione. Mira a far votare la riforma dalla Camera entro agosto e dal Senato alla ripresa, dopo le ferie. Ed è spiacevolmente sorpreso per il fatto che il leader del Pd abbia disatteso la linea concordata nel recente colloquio a Palazzo Chigi. Il Nazareno avrà pure la necessità di non vedere lacerato ciò che resta del rapporto con Conte e il M5S, ma chiedere alla Cartabia di cercare un nuovo compromesso è ritenuto un percorso improponibile.

Il Pd apre alle modifiche: “Rivedere le asprezze”

Alfredo Bazoli, capogruppo del Pd in commissione Giustizia alla Camera apre a una revisione della Riforma Cartabia «Non vogliamo cambiarla. Nell’ambito della proposta della ministra Cartabia, che condividiamo ancora e non vogliamo scardinare, pensiamo sia possibile fare proposte ulteriori per ammorbidire alcune asprezze». Una marcia indietro dopo le critiche dei magistrati? «Nessuna retromarcia. I magistrati, ma non solo loro, hanno manifestato preoccupazione su una soluzione che rischia di mettere in difficoltà alcune realtà giudiziarie». Quindi rimettete in discussione la norma? «No. Continuiamo a condividerne l’impostazione. Ci chiediamo se e come sia possibile combinarla con piccoli aggiustamenti e modifiche tecniche». Quali modifiche? «Si potrebbe provare a lavorare su un’entrata in vigore più morbida».

Cartabia tira dritto: “Nessun ritocco, la riforma è questa”

La Guardasigilli, stando alle voci di via Arenula, non avrebbe accolto con entusiasmo il rilancio di una possibile discussione, sia pure di dettagli tecnici, fatta da Letta. «La trattativa è chiusa», spiegano fonti del ministero della Giustizia. «La riforma è stata discussa e poi condivisa da tutto il Consiglio dei ministri che ha varato il provvedimento all’unanimità», fanno notare. Al punto che la Guardasigilli avrebbe detto più volte che «non è la Riforma Cartabia, ma la riforma del governo Draghi». Il tempo per ripensamenti poi — sarebbe il pensiero del la ministra — è scaduto, visto che preme la scadenza ravvicinata per avere i fondi del Recovery, per quali la riforma è un prerequisito necessario.

Ultime News

Articoli Correlati