Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

La mandrakata di Beppe…

Dopo aver incassato il vaffa di Conte, Grillo si è voltato dall'altra parte e ha invocato Rousseau sventolando tutti i vessilli del grillismo prima maniera.
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Ha ingoiato il rospo, respirato profondamente, preso tempo – molto tempo per i suoi standard – e poi, passate 24 ore esatte da quel “vaffa” ricevuto in diretta tv, ha inoltrato la lettera di licenziamento all’ex premier Conte: “Non hai visione politica, grazie di tutto e stammi bene”.

Ma il vero coup de théâtre è stata la riassunzione di Davide Casaleggio e quel “rivediamoci” su Rousseau dato in pasto ai militanti che sa tanto di ritorno alle origini: uno “stringiamci a coorte” virtuale enunciato sventolando tutti i vessilli del grillismo prima maniera.

Sta tutta qui la mandrakata di Beppe Grillo, al quale va riconosciuto un istinto politico che per molti versi somiglia a quello di Silvio Berlusconi. Grillo avrebbe potuto ingaggiare una battaglia a colpi di video e di carte bollate e invece ha ignorato l’avversario e si è rivolto ai suoi chiamandoli a raccolta e spiegando loro quello che non saranno mai: “Non saremo mai un partito novecentesco né un movimento dell’uomo solo al comando”. Gran colpo, non c’è che dire.

Ora però, dopo aver spiegato cosa non sono i 5Stelle, Grillo dovrà spiegare loro cosa sono e cosa saranno. E dovrà farlo in fretta, perché c’è un governo da mandare avanti.

 

Ultime News

Articoli Correlati