Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

«Ma io, processato e assolto 19 volte, dico: perché il Pd non ha gioito?»

L'ex governatore della Campania Antonio Bassolino dopo le scuse di Di Maio: «L’augurio ora è che nel M5S si apra una riflessione politica seria sui rapporti fra politica e giustizia. Analogo augurio, però, faccio per una riflessione seria dentro tutte le forze politiche, di centrosinistra e di centrodestra, perché la tentazione di usare vicende giudiziarie come arma di lotta politica è una tentazione forte e ricorrente»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

«Penso che le scuse di Di Maio all’ex sindaco di Lodi siano tardive, molto tardive, ma penso anche che siano certamente un fatto positivo». A dirlo è l’ex sindaco di Napoli ed ex governatore della Campania Antonio Bassolino, processato 19 volte e 19 volte assolto.

«L’augurio ora – aggiunge Bassolino – è che nel M5S si apra una riflessione politica seria sui rapporti fra politica e giustizia. Analogo augurio, però, faccio per una riflessione seria dentro tutte le forze politiche, di centrosinistra e di centrodestra, perché la tentazione di usare vicende giudiziarie come arma di lotta politica è una tentazione forte e ricorrente ed è una tentazione sbagliata che provoca tante sofferenze, come abbiamo visto nel caso dell’ex sindaco di Lodi ma come abbiamo visto e vediamo anche in tanti altri casi». Per Bassolino, però, la stessa riflessione deve estendersi anche al mondo dei mass media: «Aggiungo pure – spiega – che questa riflessione deve riguardare anche il sistema mediatico, perché in tante circostanze la condanna mediatica prima dei processi è una cosa terribile per le persone. L’assoluzione di Uggetti sta giustamente avendo un certo rilievo, ma è abissale la differenza nel sistema mediatico tra pagine di condanna e pagine nel momento in cui c’è l’assoluzione. E io ne so qualcosa».

Di una cosa, però, Bassolino si dice certo: «Non credo che di Maio avrebbe detto le stesse cose se Uggetti fosse stato condannato, però anche in quel caso la gogna mediatica sarebbe stata ugualmente sbagliata, ma essendo stato assolto quella stessa gogna è cento volte più sbagliata. In ogni caso, ribadisco, le scuse Di Maio sono un passo in avanti». Infine, Bassolino si sofferma sui suoi processi e sull’atteggiamento avuto in questi anni dal Pd: «Io ho avuto 19 processi e 19 assoluzioni – sottolinea -, l’ultima perché ho fatto ricorso contro l’avvenuta prescrizione, ma io volevo l’assoluzione nel merito, come per le altre 18, e l’ho avuta anche per la 19esima. Il paradosso è che il partito che io ho contribuito a fondare, il Pd, nel mio caso non hai mai detto, dopo aver espresso fiducia nella giustizia, come io ho sempre fatto, di avere fiducia anche in Antonio Bassolino, perché lo conoscevano da una vita e sapevano che non poteva aver fatto nulla di male e nulla di illegale». «Ecco – conclude Bassolino -, questa seconda frase il Pd non l’ha mai pronunciata, fino al paradosso che dopo anni e dopo 19 assoluzioni, non è riuscito nemmeno a gioire e dire “siamo contenti”. Significa che c’è qualcosa in corpo che non funzionava».

Ultime News

Articoli Correlati