Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Rula, Zoro e la mediocrità del circo mediatico

La pace in Medio Oriente e la parità di genere sono solo i pretesti per alimentare una polemica inutile e provinciale
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Come si può provare interesse per  la mediocre contesa  tra la giornalista palestinese Rula Jebreal e   il conduttore di Propaganda live Diego Bianchi, in arte Zoro? E come non sentire un fastidio fisico nell’osservare le falangi armate del web che si scatenano dall’una e dall’altra parte per ottenere ragione in una polemica del tutto inutile?

Inutile perché il conflitto israelo-palestinese e la parità di genere ben poco hanno a che vedere gli stucchevoli botta e risposta dei  protagonisti, tutti rinchiusi nel tinello claustrofobico del nostro circo mediatico.

Nessuno può sinceramente pensare che l’intervento di Rula  Jebreal avrebbe spostato alcunché nella percezione collettiva della guerra tra Israele e Hamas. Allo stesso tempo chi può davvero  credere che il rifiuto di  un’ospitata televisiva in un programma dallo share risibile possa diventare una bandierina della lotta femminista?

Argomenti seri e terribilmente attuali che finiscono nel tritacarne fatuo e autoreferenziale della disputa social dove tutto diventa strumentale alla polemica da bar: femminismo e pacifismo sono solo un sfondo,  meri pretesti per combattere una guerriglia di provincia animata da eserciti digitali a cui non importa nulla della pace in Medio Oriente né della parità di genere.

Ultime News

Articoli Correlati