Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Che gaffe i magistrati! Ma i diritti non possono restare in lockdown

La nota stonata dell’Anm ha avuto un effetto clamoroso: riunire il campo populista e quello antipopulista sotto il vessillo dell’anticasta giudiziaria. Ma qui si tratta di tutelare la giustizia
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

La nota stonata dell’Anm ha avuto un effetto clamoroso: ha messo d’accordo tutti. E, dato ancora più sorprendente, ha messo d’accordo tutti sulla Giustizia: il campo di battaglia politico più virulento degli ultimi trent’anni. La richiesta dei magistrati (richiesta con allegata la minaccia di bloccare tutto) di una via preferenziale per i vaccini ha infatti unito amici e nemici delle procure.

I primi, di salda formazione anticasta, hanno immediatamente sentito puzza di bruciato e denunciato il tentativo dei magistrati di reclamare privilegi corporativi; i secondi – che invece aborrono da sempre qualsiasi deriva populista – stavolta non hanno resistito al richiamo viscerale della battaglia contro le procure invocando l’indignazione generale. Insomma, l’Anm è riuscita nel miracolo di riunire il campo populista e quello antipopulista sotto il vessillo dell’anticasta giudiziaria. Ma siamo certi che la nota dell’Anm possa essere liquidata come richiesta di un insopportabile privilegio?

Prima di tutto chiariamo un punto: il comunicato del sindacato dei magistrati ha un “sapore” sgradevole e deve essere sfuggito di mano a qualcuno che non ha colto la temperatura di un Paese che in questi anni è stato concimato con manciate di odio e populismo. Ed è singolare che questo errore di valutazione arrivi proprio dalle procure, da chi, cioè, ha partecipato a quella semina. Ma accanto alla sacrosanta indignazione per un comunicato inopportuno – inopportuno nei toni, nei tempi e nella forma – va detto che alcune delle preoccupazioni delle toghe hanno alcuni elementi di verità. E l’incomprensione nasce da una messa a fuoco sbagliata.

Qui non si tratta (solo) di tutelare la salute dei magistrati e degli avvocati, né di reclamarne un incomprensibile “privilegio” o una indebita priorità; qui si tratta di tutelare la giustizia. Che altro non è se non le migliaia di persone in attesa di giudizio, spesso in galera, che attendono un’udienza, un permesso o una carta bollata che tarda sempre più ad arrivare ma che per molti di loro può voler dire la libertà: vedi il caso di Napoli, dove i penalisti denunciano ritardi drammatici da parte del Tribunale della libertà che ricadono sui loro assistiti.

Un paragone calzante, seppure con i dovuti distinguo e le dovute proporzioni, potrebbe essere quello con la categoria dei medici. La salute dei nostri operatori sanitari è stata giustamente considerata fondamentale e prioritaria perché si tratta di persone che da mesi sono impegnate in prima linea a combattere contro questo virus. Dunque la loro salute è la premessa per la nostra salute; e la tutela del singolo va a vantaggio di tutta la comunità. Poi ci sono i nostri anziani: sono le persone più fragili ed esposte e per questo vanno protette immediatamente. Infine le persone con malattie croniche o tutti coloro che in qualche modo sono più esposti di noi. Ma una volta messa al sicuro la tenuta del nostro sistema sanitario, è plausibile pensare a come mettere al sicuro la nostra giustizia. Perché lì ci stiamo giocando una partita altrettanto importante per la nostra comunità: quella dei diritti, delle garanzie e delle nostre libertà. E allora speriamo di poter tornare a parlare di giustizia con serenità perché, come detto, a pagarne le spese sono soprattutto le migliaia di italiani che sono da mesi e da anni in attesa di giudizio. Che non è grave quanto una malattia, ma poco ci manca.

Ultime News

Articoli Correlati