Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

“Incostituzionale l’appello da remoto”

Gli avvocati della Camera penale di Milano denunciano "l'abominio processuale introdotto con l'art. 23 del decreto legge 9 novembre 2020 n. 149"
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Gli avvocati della Camera penale di Milano denunciano “l’abominio processuale introdotto con l’art. 23 del decreto legge 9 novembre 2020 n. 149” che prevede che i processi penali d’appello, in periodo d’emergenza Covid, siano celebrati con “scambi di conclusioni e memorie in via telematica tramite la cancelleria” e con “giudici collegati tra loro da remoto”. Disposizioni che i penalisti milanesi ritengono “anticostituzionali”. Un “nuovo tran tran cartolare”, scrivono, con “avvocati, pubblici ministeri, parti e imputati ridotti ad ectoplasmi; et voilà, giustizia (non) sarà fatta”.

 

Ultime News

Articoli Correlati