Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Pizza, spaghetti e…mafia: l’Italia degli stereotipi nella stampa straniera

Dopo le copertine offensive dei giornali tedeschi, a commettere lo scivolone è il quotidiano francese Le Figaro con un numero speciale dedicato alle "bellezze" della Sicilia
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Pizza, spaghetti, mandolino e…mafia. Gli stereotipi nutriti dai nostri vicini europei che dipingono l’Italia della pasta asciutta e della malavita non sono certo una novità: ricordiamo titoli e copertine della stampa tedesca che in piena emergenza Coronavirus si premurava – dalle colonne del Die Welt e Der Spiegel – di non consegnare i fondi europei nella mani della mafia nostrana. Ma questa volta lo scivolone è assai curioso: il giornale francese Le Figaro dedica alla Sicilia un numero speciale di 170 pagine, intitolato “Sicilia eterna”, per celebrarne lo splendore dei paesaggi e la ricchezza dei monumenti. Un’operazione lodevole, se non fosse che a metà della scheda di presentazione del volume arriva l’inciso: la terra dove «la mafia pratica il crimine e l’estorsione secondo le regole di un impenetrabile codice d’onore».

Un commento «che appare del tutto decontestualizzato rispetto al resto del testo in cui si sottolineano le bellezze e le peculiarità della nostra terra», scrive su Facebook l’assessore regionale ai Beni culturali e all’Identità siciliana, Alberto Samonà. «Una frase che ritengo non condivisibile – aggiunge l’esponente del Governo Musumeci – e non certo per negare la presenza di Cosa Nostra o per sminuirne la portata criminale, ma perché, se proprio si voleva fare riferimento alla mafia, a mio parere si sarebbe semmai dovuto sottolineare che la Sicilia è la regione italiana che negli anni ha pagato il più alto tributo di sangue nella lotta alla mafia, proprio per il considerevole numero di persone assassinate da Cosa Nostra e di vittime che si sono sacrificate per dire no alle sue logiche criminali». «Lo dico senza polemica, ma ritengo fuori luogo che ancora oggi si pensi a stereotipi che ripropongono lo stantio binomio Sicilia-mafia, come sembra emergere da quella frase, che francamente stride rispetto al resto del testo – peraltro molto bello – di questa presentazione», conclude Samonà.

Nella presentazione, infatti, si legge di una Sicilia unica e affascinante, l’isola del Mediterraneo che, come «crocevia della nostra storia», ha accolto «Greci, Cartaginesi, Romani, Bizantini, Arabi, Normanni e Spagnoli»: tutti popoli che ne hanno «scoperto la dolcezza del vivere». La terra – conclude la recensione – prediletta da «principesse e cineasti», ricca di ogni attrazione: tra cui non si trascura di menzionare la morbosa fascinazione per le cosche locali.

Ultime News

Articoli Correlati