Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Battisti arriva al carcere di Rossano. Resta in regime di “alta sicurezza”

Nonostante lo sciopero della fame l'ex leader dei Pac rimane in una struttura di alta sicurezza
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Cesare Battisti sarebbe appena arrivato al carcere di Rossano, in Calabria, secondo quanto riferisce dall’Adnkronos. A nulla è valso lo sciopero della fame totale, annunciato da Davide Steccanella legale dell’ex leader dei Pac, iniziato per ottenere il trasferimento dal carcere di Oristano, dove ha trascorso il periodo di isolamento di sei mesi previsto dai provvedimenti giudiziari con cui è stato condannato, o  un declassamento dal regime detentivo (AS2), in quanto «non esistono più di fatto le condizioni di rischio che la giustificherebbero». L’ex leader dei Pac resta in un carcere di Alta sicurezza.

Da oltre un anno e mezzo Battisti è in isolamento diurno nel carcere di Oristano in modo «del tutto illegittimo», secondo l’avvocato, visto che «la pena dell’isolamento diurno a suo tempo inflitta era di sei mesi per cui è stata scontata a giugno».

Nella lettera che ha fatto avere ai suoi legali, Battisti ha affermato: «La morsa del Dap messa puntigliosamente in esecuzione dalla autorità del carcere di Oristano, ha resistito provocatoriamente a tutti i miei tentativi di far ripristinare la legalità, e la dovuta concessione dei diritti previsti in legge, ma sempre ostinatamente negati». A nulla sono valse le sue «rimostranze scritte o orali rivolte a questa Direzione, al Magistrato di Sorveglianza, all’opinione pubblica», e  «pretendere un trattamento uguale a quello di qualsiasi altro detenuto è una contesa continua, estenuante e che coinvolge gli atti più ordinari del mio quotidiano: l’ora d’aria; l’isolamento forzato e ingiustificato; l’insufficiente attendimento medico; la ritensione arbitraria di testi letterari».

Nel maggio scorso Battisti ha presentato istanza formale per il trasferimento dal carcere di Oristan a quello di Milano-Opera o di Roma-Rebibbia. Nulla da fare, Battisti, a Rossano, rimarrà   collocato nel reparto Alta Sicurezza AS2 insieme ai terroristi islamici. La decisione di trasferire il leader dei Pac aveva subìto uno stop quest’estate perché nel carcere di Rossano le celle dove collocare temporaneamente Battisti per la quarantena anti Covid, erano ancora piene.

«Battisti trasferito nel carcere di Rossano? Non ne so nulla», ripeteva fino a questa mattina l’avvocato Sollai. Due giorni fa, nel carcere di Oristano, Battisti ha ricevuto la visita del suo legale, al quale ha ribadito il perché dello sciopero della fame: «Sono sotto sequestro da gennaio dello scorso anno in Bolivia ed ora in Sardegna. Non mi hanno dato scelta, sono stato costretto ad uno sciopero totale della fame». L’ex Pac ha anche detto di «sentirsi prigioniero di una sporca guerra tra lo Stato e la lotta armata, e non, del periodo delle grandi contraddizioni sociali che hanno sconvolto l’Italia dalla fine degli anni ’60 agli inizi degli anni ’80». Infine ha aggiunto: «Lo Stato vuole sacrificare me in nome di una giustizia che non c’è, mi ha dichiarato guerra e questa si manifesta con la secretazione degli atti, con l’isolamento forzato e illegittimo e con una classificazione retroattiva di 41 anni. Siamo davanti alla vendetta dello Stato nei miei confronti a distanza di oltre 40 anni dalle contraddizioni sociali emerse con il ’68».

Ultime News

Articoli Correlati