Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Gli avvocati turchi: «Ebru è stata uccisa. Ma noi continueremo la sua lotta»

Gli avvocati progressisti: «Soffriamo, ma siamo anche arrabbiati e abbiamo un lavoro molto importante: fare del nostro meglio per mantenere in vita Aytaç»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

La nota dell’Associazione Avvocati progressisti sulla morte di Ebru Timtik

Ci rattrista seppellire la nostra amica, una donna forte dalla quale abbiamo imparato molto, un avvocato la cui pratica legale ci guiderà sempre, Ebru. Tuttavia, prima che le lacrime si seccassero nei nostri occhi, sono state lanciate campagne di calunnia e diffamazione da parte dei rappresentanti del potere politico e a traino dell’esercito. Sappiamo molto bene quali valori e giudizi hanno le persone e i soggetti interessati, dai gravi attentati, dai cadaveri di donne morte scoperte, dai corpi legati e trascinati nelle cisterne e tenuti per strada e ai confini. Dopo aver perso Ebru, questi “alti moralizzatori” hanno tentato di insultare la memoria di Ebru. Tuttavia, è chiaro che la vita e la memoria di Ebru non si macchieranno mai.

Le persone che ricoprono le cariche del Ministero dell’Interno e del Ministero della Giustizia e che hanno l’autorità di reprimere la “magistratura indipendente” hanno usato il termine “terrorista” per Ebru; hanno ritenuto Ebru responsabile dell’omicidio del procuratore Mehmet Selim Kiraz. Nelle indagini e nei procedimenti per l’omicidio del procuratore Mehmet Selim Kiraz, non c’è una sola prova o accusa contro Ebru. Mentre l’argomento è così chiaro, stabilire una relazione tra la morte del Procuratore ed Ebru indica solo l’esistenza di una mente problematica o di una cattiva intenzione.

Nel caso in cui sono stati giudicati e nella fase della Corte Suprema, tutti i soggetti a processo e accusati di crimini sono avvocati. Nonostante ciò, le dichiarazioni rese dai due rappresentanti del potere politico nel fascicolo, il cui processo è ancora in corso, hanno chiaramente carattere di pressione e istruzione alla magistratura. Sappiamo molto bene perché Soylu e Gul si aggrappano a queste bugie e calunnie. Queste persone, che temono che le richieste di Ebru risuonino tra le masse, cercano di screditare la lotta di Ebru insultando la sua memoria.

Ebru, come rivoluzionaria che ha vissuto una vita dignitosa fino al suo ultimo respiro, è stata abbracciata dalle forze progressiste della società. Le parole che verranno versate dalla vostra bocca non significano nulla per noi. Perché sappiamo benissimo che hanno personalmente preso parte agli interventi politici contro Ebru e i nostri amici avvocati.

Ebru è stata uccisa. È indiscutibile per chi legge, ascolta, vede e osserva che questa frase non esprime un pettegolezzo. Ebru è stata massacrata da un sistema legale ingiusto gestito con istruzioni dirette e da gruppi di potenti interessi che lavoravano duramente per la sopravvivenza di questo sistema e che sono al potere da molto tempo. Nonostante l’illegittimità del processo in cui lei e i nostri colleghi sono stati processati fosse evidente, è stata assassinata da giudici che si sono rifiutati di rilasciarla, nonostante i rapporti forniti dall’Istituto di medicina legale e dagli ospedali, e dai giornalisti che non si sono astenuti dal pubblicare le notizie ordinate direttamente per mano di Süleyman Soylu (ministro dell’Interno, ndr) e che agivano direttamente come portavoce del governo. Lo sappiamo e non lo dimenticheremo mai e poi mai.

L’ultima parola che ti diremo:

In tutte le circostanze, continueremo a gridare le richieste di Ebru, a continuare la sua lotta e a rivendicare la sua memoria. Nel cammino che facciamo con Ebru, continueremo ad agire come fautori dei lavoratori oppressi sotto la ruota del capitale, donne abbandonate al loro destino, individui emarginati, il popolo curdo che è sotto l’attacco dello Stato in ogni momento, rivoluzionari, insomma, tutte le classi oppresse.

Abbiamo perso una sorella. Uno dei nostri fratelli è ancora sull’orlo della morte. Ciò significa che oggi siamo in lutto, soffriamo, ma siamo anche arrabbiati e abbiamo un lavoro molto importante e una promessa di lotta, come fare del nostro meglio per mantenere in vita Aytaç.

Piangeremo il nostro dolore in questo modo, facendo fermentare la rabbia e accrescendo la lotta …

Ultime News

Articoli Correlati