Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Così Grillo ha liquidato Virginia Raggi. Forse…

Il sonetto pubblicato da Grilli potrebbe sembrare una difesa di Virginia Raggi. Ma secondo qualcuno è un avviso di sfratto dal Campidoglio
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

“Virgì, pijia na valigia, tu fijio, tu marito, famme un fischio, che se n’annamo via da sta gente de fogna. Lassa perde”. E ancora: “Pé questo ve dico che l’onesti dovrebbero pijà e valige, e, annassene, abbandonà sta città bella e zoccola. Si vincheno li vecchi partiti, sète fottuti”. Il sonetto romanesco postato da Beppe Grillo diventa un caso politico. C’è chi si offende e s’indigna e pretende scuse, vedi Giorgia Meloni, e chi, invece, nel sonetto pro Virgina Raggi postato dal fondatore del movimento legge in controluce la volontà di liberarsi di una sindaca decisamente non all’altezza.

Tra questi la senatrice dem, Monica Cirinnà: “Insomma, Virginia Raggi é stata scaricata da Beppe Grillo, direi definitivamente. Ed é stata scaricata nel modo peggiore: addossando alle romane e ai romani le responsabilità di un’amministrazione pavida, immobile, dannosa. Stesso parere per Riccardo Megi: “È comprensibile che a un anno dalle elezioni Beppe Grillo abbia l’esigenza di dare il benservito alla sindaca Raggi. Grillo ha bisogno dell’escamotage del sonetto per fare passare il cambio di linea e di candidato”.

Tra i primi a reagire al sonetto, Carlo Calenda: “Caro giullare di terza categoria prima ci scarichi addosso un Sindaco disastroso che ha finito di ridurre in brandelli la città e poi ci insulti? Pensi che i Romani non sappiano usare il vaffa? Vedrai il prossimo anno alle elezioni”.E lei? La sindaca Raggi che dice? “Quel ‘gente de fogna’ non mi piace. Lo so che ti riferisci a chi ruba o incendia ma, se puoi, toglilo. Di una cosa sono fiera, nel mio ruolo sono il sindaco di tutti i romani, soprattutto di chi mi critica” scrove la diretta interessata su Facebook in risposta all’autore del testo in vernacolo romanesco rilanciato da Beppe Grillo. “Franco, grazie di cuore – prosegue Raggi – amo Roma con tutta me stessa: questo mi fa andare avanti insieme all’affetto di tutti voi. Gli ostacoli, i boicottaggi, gli incendi, i sabotaggi in questi anni non sono mancati – e c’e’ ancora chi rema contro il cambiamento – ma noi romani siamo piu’ forti”. Poi la promessa, o la minaccia, dipende dai punti di vista: “VAdo avanti”.Indecisa Giorgia Meloni, che in ogni caso vuole le scuse: «Non è chiaro se il sonetto che Grillo ha dedicato alla Raggi sia una esortazione a non ricandidarsi come sindaco o un invito ad andare avanti. Temo che non lo sappia nemmeno lui. Quello che invece è chiarissimo è il disprezzo di Grillo per i romani. Espressioni come ‘gente de fogna’ sono inaccettabili e mi auguro che il sindaco della Capitale prenda le distanze e pretenda le scuse».

Ultime News

Articoli Correlati