Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Quarantena surrogata

Quarantena surrogata, il podcast di Lorem Ipsum
L’incredibile storia degli oltre 50 neonati nel limbo in Ucraina. Prigionieri del lockdown e di uno Stato italiano incapace di normare la maternità surrogata
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Si chiama Sofia. Poco più di un mese di vita, tutta trascorsa assieme ad altre decine di neonati in una stanza d’albergo a Kiev, a migliaia di chilometri dalla madre adottiva. Solo una delle tante donne italiane che, non potendo avere un bambino in Italia, si sono rivolte a una madre surrogata ucraina con l’aiuto di cliniche specializzate come BiotexCom. E che, dopo 9 mesi di trepidante attesa, hanno pure dovuto vedere i loro piccoli “prigionieri” nella hall di un albergo straniero, per via delle restrizioni ai viaggi internazionali imposte dall’emergenza Covid-19.

“Una sorta di quarantena surrogata”, racconta Lucia (nome di fantasia), che accetta di parlare solo dietro promessa di rendere la sua voce irriconoscibile.La sua testimonianza, assieme a quelle dell’avvocato Giorgio Muccio (legale della donna) e di una rappresentante di Biotexcom (la clinica ucraina in questione), racconta la disavventura di 14 madri e padri italiani coinvolti questa vicenda. Sbloccatasi da pochi giorni solo grazie all’intervento del garante dell’infanzia ucraino, che ha autorizzato l’ingresso dei genitori adottivi nel paese. Con lo Stato Italiano che, sul caso particolare come sulla generale regolamentazione di questi temi, continua a fare orecchie da mercante.

 

Ultime News

Articoli Correlati