Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Inizia il processo a Netanyahu: “E’ un colpo di Stato”

Si e' aperto a Gerusalemme ed e' stato subito aggiornato al 19 luglio l'attesissimo processo per corruzione a Benjamin Netanyahu, il primo in Israele che vede alla sbarra un premier in carica. Netanyahu, insieme ad altre tre persone, e' accusato di corruzione, frode e abuso di fiducia per i regali illegali che avrebbe ricevuto da uomini d'affari in cambio di favori legislativi.
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Si e’ aperto a Gerusalemme ed e’ stato subito aggiornato al 19 luglio l’attesissimo processo per corruzione a Benjamin Netanyahu, il primo in Israele che vede alla sbarra un premier in carica. Netanyahu, insieme ad altre tre persone, e’ accusato di corruzione, frode e abuso di fiducia per i regali illegali che avrebbe ricevuto da uomini d’affari in cambio di favori legislativi. La corte ha fissato la prossima udienza al 19 luglio, ma avra’ solo carattere organizzativo: la presidentessa del collegio, giudice Rivka Friedman-Felman, dovra’ fissare con gli avvocati della difesa e il pm un calendario del processo. Il 70enne premier e’ giunto in tribunale nel pomeriggio: ad attenderlo c’erano 250 manifestanti, divisi tra sostenitori e contestatori, e altri si erano fatti sentire vicino alla sua residenza. “La polizia e il procuratore si sono alleati contro di me”, ha denunciato il leader del Likud parlando ai giornalisti, “l’obiettivo e’ quello di estromettere un primo ministro forte e bandire la leadership di destra per molti anni. Vorrebbero un cagnolino docile, ma io non lo sono e quindi devono togliermi di mezzo in ogni modo. Quelle contro di me sono state indagini corrotte e fabbricate ad hoc, sin dall’inizio”.

Netanyahu ha definito il processo “un colpo di Stato”, un tentativo di “sovvertire la volonta’ popolare”. “Voglio rassicurare tutti voi”, ha aggiunto prima di salire al terzo piano del palazzo di giustizia, “che con il vostro aiuto e con l’aiuto di Dio, continuero’ a combattere. Non lascero’ che ci abbattano. Continuero’ a guidare lo Stato di Israele”. Entrando nell’aula 317, Netanyahu ha nuovamente sollecitato la trasmissione in diretta del processo contro di lui, richiesta che pero’ era stata gia’ respinta dai giudici del tribunale distrettuale di Gerusalemme. Il premier si e’ presentato con i suoi legali e in aula erano presenti anche gli altri imputati: Arnon Mozes, editore del giornale Yedioth Ahronot, Shaul Elovitch, azionista di controllo della societa’ di telecomunicazioni Bezeq, e la moglie di Elovitch, Iris Elovitch. I difensori del premier hanno chiesto un ulteriore slittamento per poter organizzare al meglio i testimoni e per avere piu’ tempo per esaminare le migliaia di documenti processuali in maniera approfondita. Uno dei legali, Micha Feitman, ha parlato della necessita’ di avere a disposizione almeno due o tre mesi per studiare il tutto. Richieste che pero’ non sono state ascoltate. “Non sto minimizzando l’importanza di questo caso – ha dichiarato il capo del team accusatorio Liat Ben Ari – ma ritengo che si possa procedere piu’ speditamente di quanto chiedono gli imputati anche perche’ la gente ha il diritto di vedere che le cose vanno avanti e che questa situazione viene risolta in fretta”.

Il tribunale ha respinto la richiesta sottolineando che i documenti sono in possesso della difesa da oltre un anno. Nei giorni scorsi Netanyahu aveva anche spinto, tramite i suoi legali, affinche’ venisse accolta la sua richiesta di evitare di dover partecipare al primo giorno del processo oggi, ma la Corte lo ha obbligato ad essere presente almeno alla prima udienza, mentre ha chiarito che non ci dovra’ essere alle prossime. La Corte ha poi aggiornato il processo al 19 luglio, quando saranno delineati i tre filoni di accusa: quello della frode e abuso di ufficio per i doni ricevuti da importanti uomini d’affari, quello dell’inchiesta che coinvolge Arnon Mozes, proprietario del giornale free press “Israel Hayom”, su uno scambio tra leggi favorevoli e una copertura giornalistica benevola e il ruolo di netanyahu come ministro delle Comunicazioni che avrebbe favorito l’azienda telefonica Bezeq, proprietaria del sito di notizie Walla. Il premier a rotazione Benny Gantz, attualmente ministro della Difesa nell’ambito dell’accordo per il governo di unita’ nzionale tra Likud e Bianco e Blu, ha dichiarato che Netanyahu e’ innocente fino a prova contraria, proprio come tutti i cittadini, e si e’ detto “sicuro che il sistema giudiziario terra’ un giusto processo per lui”. “Ribadisco – ha insistito Gantz – che io e i miei colleghi abbiamo piena fiducia nel sistema giudiziario e nell’applicazione della legge. In questo momento, forse piu’ che mai, dobbiamo agire come stato e societa’ per l’unita’ e la riconciliazione, per lo Stato di Israele e per tutti i cittadini israeliani”.

Del ruolo della legge e sulla dimostrazione che nessuno e’ superiore ad essa in Israele, si e’ detto convinto anche il procuratore generale Avichai Mandelbilt, l’uomo che ha imbastito il processo al premier. Il leader dell’opposizione Yair Lapid ha invece detto che “la selvaggia e veemente aggressione di Netanyahu contro il suo processo e’ la prova finale del perche’ un imputato criminale non puo’ continuare a servire come primo ministro”. Lapid ha ha poi scritto su Twitter che “l’istigazione di Netanyahu e quella del suo popolo contro il sistema giudiziario e’ falsa, pericolosa, violenta e ha superato ogni limite”. Da oltre un anno su Netanyahu pende la spada di Damocle dei suoi guai giudiziari che hanno influenzato anche le tre campagna elettorali dell’ultimo anno e mezzo. L’opposizione chiedeva che il piu’ longevo capo di governo della storia di Israele facesse un passo indietro e invece ha appena giurato per la quinta volta come premier. La Corte Suprema, peraltro, ha fatto spaere di “non aver trovato basi legali per impedirglielo”, pur sottolineando che questo “non diminuisce la gravita’ delle accuse”.

Ultime News

Articoli Correlati