Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

«Presidente Mattarella, difenda Lei la Costituzione». La lettera di Guzzetta al Colle

Il professor Giovanni Guzetta, ordinario all'università Tor Vergata, chiede a Mattarella di difendere la Costituzione
Con una lettera aperta, il costituzionalista si rivolge al Capo dello Stato affinché ricordi a tutti che «la democrazia è più forte del virus». Che nella nostra Costituzione c’è eccome lo strumento per fronteggiare le emergenze, il decreto legge, e che perciò non è giustificato l’intervento di «chiunque possa vantare anche solo un piccolo appiglio normativo» per mettere, senza rispettare la Carta, un intero Paese agli arresti domiciliari
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Signor Presidente della Repubblica,

Mi rivolgo a Lei nella sua qualità di Capo dello Stato e in virtù dei poteri che la Costituzione italiana Le conferisce, sia nei periodi di ordinaria e ordinata vita dello Stato, che in quelli di crisi, più o meno, grave del sistema.

A Lei che è titolare di attribuzioni che riguardano o intersecano l’attività di tutti i poteri dello Stato: legislativo, esecutivo e giudiziario.

E mi rivolgo a Lei come persona, titolare di quell’ufficio monocratico supremo che è la Presidenza della Repubblica, anche per il grande apprezzamento, tra l’altro, della dignità, determinazione, sobrietà e compostezza umana del Suo operare, che, oltre a rassicurare tutti noi, rappresentano un esempio di quella disciplina e di quell’onore con cui si devono servire le Istituzioni dello Stato ai sensi dell’art. 54 della nostra Costituzione.

La pandemia del Covid-19 sta squassando l’Italia, in questo momento, più di ogni altro paese al mondo. Si tratta di una di quelle situazioni di crisi in cui, non solo la salute dei cittadini, ma anche quella dello Stato è minacciata. È minacciata in particolare la capacità dello Stato di saper mostrarsi forte di fronte a un’emergenza, senza rinunciare e senza abiurare quei valori di libertà e di democrazia su cui si fonda, su cui è costituito, per i quali tante vite sono state sacrificate.

E tutti sappiamo come, in momenti come questo, quei valori siano messi a dura prova. In molti hanno sostenuto che la Costituzione italiana non è fornita di strumenti adeguati per fronteggiare l’emergenza. Grave, gravissima affermazione, delegittimante e destabilizzante, che, oltre a esprimere l’ignoranza istituzionale di chi la pronuncia, preoccupa per altri due motivi.

Essa è infatti il segno più evidente dei danni prodotti dall’abuso della decretazione d’urgenza in questi ultimi decenni. Abbiamo perso ormai la percezione del significato di tale strumento, utilizzato ormai per ogni finalità, anche le più futili.

Abbiamo perso il senso sacro e drammatico del perché i costituenti lo collocarono nella Costituzione: proprio per fronteggiare emergenze come questa, con provvedimenti straordinari anche in rottura temporanea della stessa Carta fondamentale, anche con temporanee, se giustificate, sospensioni o limitazioni dei diritti.

La seconda drammatica conseguenza di tali atteggiamenti è quella di diffondere la sensazione che la Costituzione non sia effettivamente preparata alle emergenze, e che questo legittimi ogni autorità pubblica a cercare altrove, e magari nei propri poteri, la giustificazione per interventi che possono incidere profondamente sulle libertà dei cittadini.

L’assenza, presunta, di regole per l’emergenza fa riesumare discutibili teorie sulla necessità e urgenza come fonte del diritto (che la Corte costituzionale ha mostrato chiaramente di respingere) giustificando l’intervento di chiunque possa vantare anche solo un piccolo appiglio normativo in tal senso.

Questa situazione genera, di fatto, una grande incertezza sulla catena di comando in un frangente così drammatico, genera incertezza su quali provvedimenti debbano essere seguiti, quali debbano prevalere in caso di contrasto, genera incertezza sulla legittimità democratica e giuridica di molti di quegli interventi.

La confusione è il più grande nemico nelle situazioni di crisi, soprattutto nel momento in cui si vorrebbe che, giustamente, 60 milioni di italiani si muovano all’unisono.

Un cittadino non può svegliarsi la mattina e letteralmente non sapere cosa quali obblighi gravino su di lui o cosa possa essere successo durante la notte: se vi siano stai decreti del Governo, se ad essi  si siano aggiunte ordinanze dei Presidenti delle Regioni, dei prefetti, dei sindaci o se tali atti, solamente pre-annunciati, abbiano effettivamente visto la luce. Soprattutto quando tali atti incidono pesantemente sulle libertà e la loro violazione fa comporta l’irrogazione di sanzioni amministrative e persino penali.

Come Lei sa bene, Signor Presidente la scelta della Costituzione per lo strumento del Decreto-legge come principale, anzi unico, strumento di intervento quando si tratti di sospendere leggi e previsioni costituzionali, anche sui diritti, non va osservata solo perché così dice la Costituzione, ma perché assicura unità nella catena di comando e controllo da parte dell’organo rappresentativo del popolo che è il Parlamento.

Nessun altro dei provvedimenti che quotidianamente si abbattono sui cittadini presenta queste caratteristiche.

Signor Presidente della Repubblica,

Non vi sono dubbi che le misure, certamente necessarie, sinora assunte abbiano inciso profondamente sulle libertà dei cittadini: la libertà personale (la più importante e la più colpita), la libertà di circolazione, la libertà di iniziativa economica. Limitazioni che non trovano in Costituzione un fondamento per interventi “ordinari”, ma solo appunto straordinari, nelle forme ivi previste.

E non può essere nemmeno l’art. 32 della Costituzione (che tutela il fondamentale diritto alla salute) a giustificare tali esiti, allorché le misure si applicano a cittadini sani, anche se a rischio, ma sani o comunque presunti tali fino a prova contraria, per i quali pertanto non si giustificano, nemmeno astrattamente, trattamenti “sanitari” obbligatori, che potrebbero in qualche modo giustificare le limitazioni di quelle libertà.

Io credo che tutti i cittadini siano perfettamente convinti che tali misure siano state adottate con l’intento di servire l’interesse del paese. E che molto probabilmente fossero assolutamente necessarie. Per questo tutti dobbiamo ringraziare i rappresentanti delle istituzioni, politiche, costituzionali, regionali, locali, sanitarie, e si potrebbe continuare.

Ma nel momento in cui la crisi si proietta su tempi lunghi, anche perché, all’emergenza sanitaria, è purtroppo lecito prevedere, come peraltro espressamente dichiarato dal Presidente del Consiglio, si assoceranno altre crisi ed emergenze, sociali ed economiche, è importante che anche lo Stato conservi la sua salute. La salute di uno Stato che, a differenza di altri, appartiene alla famiglia delle liberal-democrazie e che dunque, quand’anche ammetta limitazioni delle libertà, pretende che ciò avvenga nel rispetto delle garanzie democratiche e delle previsioni costituzionali.

Signor Presidente,

Riponendo in Lei e nei Suoi poteri di persuasione, di messaggio e di diritto ogni speranza per la salvaguardia delle procedure costituzionali e democratiche, mi auguro vivamente:

che si riconosca la centralità, in forza dell’art. 77 della Costituzione, dello strumento del decreto-legge per fronteggiare le straordinarie situazioni di necessità  ed urgenza. Il decreto-legge come atto in grado di sostituirsi provvisoriamente a qualsiasi norma dell’ordinamento (anche relativa a diritti fondamentali come la libertà personale) e a operare sia su tutto il territorio nazionale che su porzioni di esso (come la storia repubblicana ci insegna); come atto collegiale, non delegabile, del Governo della Repubblica, che se ne assume la responsabilità, adottato eventualmente con la partecipazione dei Presidenti delle Regioni interessate, emanato dal Presidente della Repubblica, reso pubblico e sottoposto allo scrutinio e all’approvazione del Parlamento mediante leggi di conversione; e dunque con un procedimento ostensibile, trasparente e controllabile dai cittadini.

Che, rispetto agli altri poteri di ordinanza previsti dalle leggi, la loro applicazione sia conforme alla consolidata giurisprudenza costituzionale e che soprattutto ne sia escluso qualsiasi utilizzo in rottura della Costituzione o che comporti limitazioni dei diritti fondamentali riservate, semmai, come detto, al solo decreto-legge, per il tempo strettamente necessario e salvo conversione.

Che siano adottate tutte le misure di sicurezza e di emergenza, certamente tecnicamente possibili, affinché sia il Governo che il Parlamento, in questo momento in cui il Paese è in ginocchio, possano operare al massimo delle proprie possibilità, sia identificando dispositivi personali di tutela della salute, sia identificando modalità di tipo informatico là dove consentito, sia immaginando anche la ricollocazione degli uffici e delle aule in luoghi che consentano di eliminare i rischi di contagio. Nella storia costituzionale sono svariati i casi di parlamenti e governi ricollocati temporaneamente a causa di eventi impeditivi delle riunioni nelle sedi ufficiali.

Che si perseguano senza esitazione tutti i comportamenti di chi viola, soprattutto in questo momento, le leggi e i provvedimenti, ma che, allo stesso tempo, si dia pubblicità, chiarezza e certezza massima su tali vincoli, sul loro contenuto e sulla legittimità delle fonti di provenienza.

E non si cessi mai di riconoscere continuamente, me lo consenta Signor Presidente, il significato dello sforzo che stanno facendo decine di milioni di italiani, sottoponendosi, innanzi tutto, a un regime che è  sostanzialmente identico a quello degli arresti domiciliari.

Questi italiani non possono essere diffamati e umiliati dall’iterazione di comunicazioni e rappresentazioni sensazionalistiche e opportunistiche che si nutrono degli stereotipi più vieti e che vogliono lo spirito nazionale improntato quasi esclusivamente alla  furbizia, all’indisponibilità a seguire le regole, all’opportunismo e allo scarso senso civico.

Si riconosca che l’enorme maggioranza degli italiani sta facendo uno sforzo immane per concorrere a fronteggiare la situazione e uscirne al più presto. Se, come dice il nostro inno nazionale, l’Italia chiamò, allora si riconosca che oggi i cittadini hanno pienamente risposto.

Si tratta di precisazioni fondamentali, anche per evitare che si scatenino fenomeni di conflittualità sia verso le istituzioni che tra cittadini, dovuti alla frustrazione di una situazione normativamente non chiara, incerta, contraddittoria, senza che le istituzioni democratico-rappresentative si mostrino adeguatamente pronte, nel rispetto della Costituzione. E non malgrado essa.

Siamo tutti consapevoli della tragicità del momento, dei costi in termini i vite umane che stiamo pagando. Tutto ciò stride con la bellezza di questa primavera che concorre a fare dell’Italia il luogo meraviglioso che è, patrimonio dell’umanità e della civiltà. Gli italiani sono pronti Signor Presidente per l’Italia e per la democrazia. Quella i cui valori dobbiamo assolutamente proteggere.

Perché è nei momenti in cui è più difficile conservare quei valori che più forte dev’essere lo sforzo da compiere;  per dimostrare quanto essi siano preziosi e quanto costituiscano una certezza anche nelle situazioni estreme.

Proviamo che la liberal-democrazia è più forte del virus!

È su questa capacità di preservare quei valori nonostante tutto che saremo giudicati da chi verrà dopo di noi.

Con i sensi deella mia più alta stima

Giovanni Guzzetta

Ultime News

Articoli Correlati