Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

“Caro signor Boris Johnson, ha studiato l’Italia ma non ha capito nulla”

La lettera di Mauro Berruto al premier inglese pronto a sacrificare molti inglesi: "Noi siamo Enea che salva il vecchio Anchise"
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

La lettera di Mauro Berruto, ex tecnico della nazionale di pallavolo a Boris Johnson

“Ho aspettato un po’ a scrivere, speravo di aver capito male.Invece il Primo Ministro del Regno Unito, intendeva dire proprio ciò che ha detto: Abituatevi a perdere i vostri cari.Boris Johnson si è laureato ad Oxford con una tesi in storia antica. È uno studioso del mondo classico, appassionato della storia e della cultura di Roma, su cui ha scritto un saggio. Ha persino proposto la reintroduzione del latino nelle scuole pubbliche inglesi. Mr. Johnson, mi ascolti bene. Noi siamo Enea che prende sulle spalle Anchise, il suo vecchio e paralizzato padre, per portarlo in salvo dall’incendio di Troia, che protegge il figlio Ascanio, terrorizzato e che quella Roma, che Lei tanto ama, l’ha fondata.Noi siamo Virgilio che quella storia l’ha regalata al mondo. Noi siamo Gian Lorenzo Bernini che, ventiduenne, quel messaggio l’ha scolpito per l’eternità, nel marmo. Noi siamo nani, forse, ma seduti sulle spalle di quei giganti e di migliaia di altri giganti che la grande bellezza dell’Italia l’hanno messa a disposizione del mondo. Lei, Mr. Johnson, è semplicemente uno che ci ha studiato. Non capendo e non imparando nulla, tuttavia. Take care. We, Italians.”

Ultime News

Articoli Correlati