Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Bendato, ammanettato e confuso. Spunta il video del giovane accusato dell’omicidio Cerciello

Il drammatico interrogatorio di Christian Gabriel Natale Hjorth
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

“Ehi maschio come ti chiami? Oh come ti chiami?”.
Un video riprende Christian Gabriel Natale Hjorth bendato e con le mani dietro la schiena in caserma qualche ora dopo l’omicidio del vicebrigadiere dei Carabinieri Mario Cerciello Rega, ucciso con undici coltellate a Roma il 26 luglio scorso.
Intorno al giovane californiano diversi militari lo interrogano. Lui risponde con voce debole, in evidente stato confusionale e sempre ammanettato.
«Come ti chiami?», gli chiede unodi loro e l’americano, ora in carcere con l’accusa di concorso in omicidio con Finnegan Lee Elder, risponde «Che cambia?».
«Come che cambia?», lo incalzano i carabinieri, «dimmi come ti chiami, dimmi il tuo nome. Da quanto tempo sei in Italia?».
E Hjorth risponde: «Da una settimana».
«E che fai in Italia?», gli chiedono ancora. «Sono qui a trovare la famiglia», ribatte lui.
«E dove abita?», domanda un altro.
«Abita a Roma. Non so esattamente dove», risponde l’americano prima dell’ultima domanda.

Ultime News

Articoli Correlati