Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Human Right Watch: oltre 200 immigrati deportati e uccisi dagli Usa al Salvador

Il rapporto di Hrw denuncia decine di casi di esecuzioni extragiudiziali, abusi sessuali, sparizioni forzate e torture commessi in tutta impunità.
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Negli ultimi sei anni almeno 208 cittadini originari di El Salvador deportati dalle forze di sicurezza Usa nel paese di origine sono stati vittime di abusi e uccisi. Lo rivela un rapporto stilato dall’ong Human Rigts Watch ( Hrw), rilanciato dal quotidiano britannico Guardian, in base al quale tra il 2013 e il 2019 dei salvadoregni migranti e richiedenti asilo negli Stati Uniti riportati in patria con la forza in 138 sono stati uccisi mentre altri 70 hanno subito abusi e violenze sessuali.

L’indagine mette in luce la terribile sorte toccata a questi civili rimandati indietro dalle autorità statunitensi, seppur a conoscenza del pericolo per la loro incolumità. In effetti questi migranti finiscono nelle grinfie di gang armate, soldati, poliziotti e altre realtà violenti dalle quali avevano tentato di fuggire, migrando verso gli Usa.

Entro due anni dalla loro deportazione finiscono per essere abusati o assassinati da questi stessi individui ulteriormente inferociti dalla loro fuga, che al loro ritorno forzato li picchiano, molestano e derubano prima di ucciderli.

Il rapporto di Hrw denuncia decine di casi di esecuzioni extragiudiziali, abusi sessuali, sparizioni forzate e torture commessi in tutta impunità.

 

Ultime News

Articoli Correlati