Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Nappi: «Il centrodestra può riprendersi la Campania»

Il professore di diritto ci prova. La partita è appena cominciata e a giocarsi una carta potrebbe essere l’outsider Severino Nappi che ieri al palapartenope di Napoli ha presentato il progetto
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

In Campania si stanno scaldando già i motori elettorali in vista delle elezioni regionali del prossimo anno. Qualche giorno fa, dopo il rifiuto di Mara Carfagna, Silvio Berlusconi ha proposto Stefano Caldoro come candidato del centrodestra; Caldoro, già presidente della Regione Campania dal 2010 al 2015, potrebbe non trovare il placet degli alleati Giorgia Meloni e Matteo Salvini. Tanto è vero che proprio il leader della Lega qualche giorno fa ha aperto alle liste civiche, «a tutto ciò che non è Pd o 5Stelle». Quindi la partita è appena cominciata e a giocarsi una carta potrebbe essere l’outsider Severino Nappi che ieri al Palapartenope di Napoli ha presentato il progetto ‘ Campania- Il nostro posto” che nasce con l’obiettivo di aggregare e allargare il centrodestra. Nappi, giuslavorista e professore ordinario di Diritto del Lavoro, è presidente dell’associazione Nord Sud e vice coordinatore per la Campania di Forza Italia, già assessore della passata Giunta Caldoro.

Professor Nappi è partita la corsa per le regionali?

Abbiamo presentato questo progetto che parte da lontano e mette insieme le migliori energie della società civile, dei professionisti, delle imprese e del tessuto produttivo – non solo della Campaniaper parlare delle cose che veramente servono a questa terra. Prima dei nomi, sono necessari i contenuti, i programmi e gli strumenti che servono per dare un futuro a una regione tanto straordinariamente bella quanto complessa. Ieri non abbiamo assistito al classico comizio: De Luca ci ha abituati ai suoi teatrini, ai suoi spettacoli dove ormai non si distingue più da Crozza e i 5 Stelle ci hanno sommersi di slogan e selfie. Noi invece abbiamo scelto di raccontare i problemi della Campania attraverso l’esperienza di una famiglia comune.

Quali i temi portanti del suo programma?

La Campania è ultima per tassi di occupazione, addirittura a livello europeo, servizi sociali e servizi sanitari. I trasporti regionali sono da terzo mondo, con migliaia di corse annullate per problemi e guasti. Ogni giorno chiudono 137 imprese, 20 artigiani falliscono, tanti giovani vanno via. Un vero rinnovamento può esserci solo se si abbandonano i classici schemi della vecchia politica. Noi pensiamo che il centrodestra unito e innervato della forza e dei contenuti della società civile farà la differenza in Campania. Anzi la Campania così si può candidare a costruire questo nuovo modello di politica.

Dove ha sbagliato De Luca in questi anni?

Negli annunci, a cui mai sono seguiti i fatti. Nel 2015 il suo slogan era “mai più ultimi”. Ebbene, a quelli cui che ho già ricordato aggiungo il dato della spesa dei fondi europei: il 18% delle risorse disponibili. Nessuno sta facendo peggio in Europa.

Crede che la sua persona e il suo progetto possano unire il centrodestra?

Quello che deve unire il centro destra sono le idee, a patto che siano vera e concreta alternativa ai fallimenti del Pd e dei Cinque Stelle. Solo così torneremo ad essere competitivi.

Tutto molto bello, però Forza Italia sta vivendo una crisi interna e soprattutto nell’elettorato.

Sicuramente i dati di questi ultimi anni non sono positivi. Ne dobbiamo prendere atto e superare logiche antiche e forse usurate. E questo è l’indirizzo che sta dando il Presidente Berlusconi incoraggiando il coinvolgimento del sistema produttivo, dei corpi intermedi, del mondo delle professioni per aprire le menti e ripartire.

 

Ultime News

Articoli Correlati