Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Codice Rosso primo caso a Pisa: segrega le figlie e le vende per le nozze

In manette per maltrattamenti un uomo di 51 anni
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Aveva denunciato il rapimento di tre figlie di 21, 19 e 8 anni, ma è stato arrestato per maltrattamenti, calunnia, sequestro di persona continuato e costrizione e induzione a contrarre matrimonio. Un uomo di 51 anni, di etnia rom e residente in un campo nomadi alle porte di Pisa, da anni puniva le due figlie di 21 e 19 anni, picchiandole e vessandole psicologicamente, perché le considerava troppo ribelli. Entrambe avevano scelto in modo autonomo i propri fidanzati rifiutando di contrarre matrimonio con due cugini bosniaci con i quali egli aveva pattuito la “vendita”.

Dalla denuncia di rapimento, avvenuta ai primi di agosto, la procura e la polizia di Pisa hanno attivato le indagini che venerdì hanno portato all’arresto dell’uomo. Si tratta inoltre del primo caso in Italia dell’applicazione della custodia cautelare per il reato di costrizione e induzione al matrimonio, introdotto dal “Codice Rosso”. I fatti sarebbero avvenuti all’interno di alcune roulotte del campo nomadi di Coltano.

All’interno di una di queste, le due giovani venivano segregate e punite, lasciate per giorni a pane e acqua, costrette al taglio dei capelli. Sempre qui è stata trovata nascosta la figlia di 8 anni della quale l’uomo aveva denunciato il rapimento, poi rivelatosi falso, per dare più forza all’avvio delle indagini della polizia mirate a rintracciare le due sorelle.

Ma le ragazze in realtà erano fuggite dal campo nomadi assieme ai fidanzati romeni, loro coetanei. Proprio i due fidanzati erano stati accusati dall’uomo di aver rapito le figlie. Una delle due viene convinta e rientra a Pisa e accetta di sposare un cugino. Il prezzo della “cessione” si aggira fra i 12 e i 13mila euro. Le nozze avvengono in un banchetto allestito nel parcheggio del campo nomadi, secondo una precisa “liturgia” fatta di riti e simboli. Al termine una stretta di mano suggella “l’affare”.

 

Ultime News

Articoli Correlati