Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Senza popolo e verticistica: la scissione fredda di Matteo è servita

L’azzardo di Renzi spariglia il Palazzo. L’ex premier vuol spingere il Pd verso sinistra e occupare il centro della politica italiana ma lasciando un “contingente” al Nazareno
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Scissione fredda? No, gelida. Senza nessun tentativo di coinvolgere una parte di popolo. Senza nemmeno preoccuparsi di tirarsi dietro tutti i propri parlamentari. La mossa di Renzi è il massimo esempio sin qui attuato di una ‘ scissione da laboratorio’. Un’operazione di vertice lucidamente pensata per essere tale.

A Renzi, per ora, non interessa dar vita a un suo partito centrista: è l’orizzonte, non il presente. Gli interessa invece, qui e ora, potersi sedere al tavolo della maggioranza in piena autonomia, senza doversi far rappresentare dalla maggioranza interna del Pd, relegato nell’angolo. Un gruppo parlamentare è necessario per completare l’opera iniziata dando di fatto vita al governo e poi piazzando una nutrita pattuglia di ministri e sottosegretari. Serve per avere voce in capitolo sugli indirizzi di politica economica, sulle nomine ( capitolo fondamentale), sull’elezione del presidente della Repubblica. Serve anche a conquistare massima visibilità, necessaria per mettere insieme, nell’arco di un biennio almeno, una formazione centrista, con spezzoni di Fi refrattari al salvinismo, da contrapporre alla prevista, e molto auspicata, deriva ‘ sinistrorsa e pentastellata’ del Pd di Zingaretti.

In questo piano di battaglia tutto e solo di vertice, nel quale conta la conquista disposti di potere e di palcoscenici mediatici, il carattere volutamente limitato della scissione renziana tra i parlamentari, è comprensibile e giustificato. Una scissione più massiccia sarebbe quasi certamente stata possibile, anche se molti renziani avrebbero comunque evitato di mettersi in gioco subito preferendo ‘ restare a guardare’ in attesa di decidere sulla base d rapporti di forza concreti. Ma non sarebbe stato interesse dello stesso Renzi.

I rischi di un effetto destabilizzante sul governo sarebbero stati maggiori e in questo momento la stabilità del ‘ suo’ governo, almeno per un paio d’anni e comunque fino al varo di una legge elettorale proporzionale è il principale interesse dell’ex premier. Inoltre la presenza di una robusta quinta colonna nel gruppo del Pd al Senato, con incluso lo stesso capogruppo Marcucci ma il discorso è parzialmente valido per l’omologo alla Camera Delrio, dovrebbe permettere a Renzi di contare su due colonne distinte ma convergenti moltiplicandone il peso specifico e la possibilità di esercitare pressione.

Renzi, si sa, è abituato a muoversi senza basarsi su schemi rigidi, cogliendo l’occasione quando si presenta: è la sua forza e la sua debolezza. Per ora, però, la previsione su cui si basa il progetto renziano è che un Pd privato ella sua presenza slitterà inevitabilmente verso sinistra, facendo propri sempre più alcuni temi dei 5S e lasciando così scoperto il fianco moderato per il partito che mira a creare. Previsione, sì, ma anche auspicio che il premier cerca di favorire. Tra i suoi obiettivi, nel liberare il Pd dalla scomoda presenza, c’è anche il facilitare il rientro degli scissionisti di LeU e lo spingere Zingaretti verso l’abbraccio con l’M5S.

Insomma, questa scissione improvvisa e inspiegata, realizzata senza passione e senza neppure provare a coinvolgere la base, non è affatto insensata. Risponde a una logica precisa, che è del resto del tutto omogenea a quella che ha portato alla nascita della maggioranza ‘ giallorossa’ e che porterà quasi certamente ad alleanze regionali realizzate con lo stesso metodo.

E’ una politica di vertice, che prescinde completamente dal confronto delle leadership con il proprio popolo nella certezza, o nella speranza, che ‘ l’intendenza seguirà’. E’ una politica che conosce solo la tattica e rinvia a data da destinarsi l’impiccio strategico e che pertanto si muove con una disinvoltura estrema, a seconda delle circostanze e dell’utilità immediata. In parte, sia chiaro, la politica è sempre stata anche questo. La novità affermatasi in questa ultima fase, ma già in marcia da lunghissimo tempo, è che lo squilibrio a favore di una politica puramente di vertice si è imposto senza più margini di mediazione, come proprio la mossa a modo suo estrema di Renzi attesta.

Ma identica cosa potrebbe dirsi del progetto di una coalizione Pd- M5S in Umbria decisa a tavolino nell’arco di una sola domenica, e senza neppure perdere tempo a discuterne almeno le linee guida e senza darsi pensiero del parere delle rispettive elettorali. I prossimi mesi diranno se questa politica ormai del tutto svincolata da tutto a eccezione delle manovre decise in una ristretta tolda di comando pagherà o si rivelerà, come è possibile, catastrofica.

 

Ultime News

Articoli Correlati