Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Politica e media: tu chiamale se vuoi emozioni…

Il saggio di William Davies "Stati nervosi". Siamo passati dal dominio della ragione alla supremazia dei sentimenti. Ma secondo l’autore è sbagliato contrapporre queste due dimensioni
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Nel 1994 lo studioso francese Pierre Lèvy diede risalto al concetto di “intelligenza collettiva” legata al cyberspazio. L’affermazione delle nuove tecnologie di comunicazione doveva servire a favorire la connessione tra gli esseri umani potenziandone le possibilità di comprensione e di saper fare. A circa 25 anni da quella definizione più che di intelligenza collettiva dobbiamo parlare di “follia collettiva”, di un impazzimento generale in cui la ragione è stata completamente oscurata. È in questo perimetro che si collocano l’hatespeech, le fakenews e una politica fondata non sui fatti concreti ma sul “sentiment”. È la famosa Bestia, il sistema di monitoraggio dell’opinione pubblica che consente ( consentiva?) a Matteo Salvini di mettersi in connessione sentimentale con il suo popolo sulla base dell’umore dominante.

Da Trump a Putin, passando per il nostro ex ministro dell’Interno, le forze populiste e sovraniste si caratterizzano per questa capacità di sfruttare al massimo le caratteristiche della rete. Siamo oltre il Grande Fratello di George Orwell: il controllo è un sistema che non agisce dall’esterno, ma determina un mutamento profondo delle caratteristiche stesse dell’essere umano. Non c’è un’imposizione vissuta come obbligo, ma un diktat che i cittadini agiscono ed esercitano in prima persona. Per questo è difficile. Non basta buttare giù il despota, perché il tiranno rappresenta spesso, meglio di chiunque altro, quello che le persone pensano e vogliono. È proprio quel pensiero che va modificato. Ma per modificarlo va intanto studiato.

È quello che fa William Davies nel saggio Stati nervosi. Come l’emotività ha conquistato il mondo ( Einaudi, pp. 362, euro 18.50). Davies, che insegna sociologia ed economia politica a Londra, cerca di capire perché si è passati dalla supremazia della ragione alla sua totale inflazione. Come possibile, si chiede, che il “cogito ergo sum” di Cartesio oggi valga poco o nulla e le élite che rappresentano la conoscenza nei diversi settori abbiano così scarso appeal e successo?

Per rispondere a questa domanda il sociologo fa un’attenta disamina del pensiero occidentale dal 1600 ad oggi e parla di “democrazia delle emozioni”. Due più due non fa più quattro perché è saltato il meccanismo della democrazia della rappresentanza che regolava i rapporti e la logica prima dell’avvento di internet. Ma Davies, che si sofferma a lungo su Hobbes, non cade nella trappola di contrapporre in maniera netta ragione e sentimento. E cerca di individuare una strada che sia un’uscita dal populismo senza perdere di vista le paure delle persone.

«Internet – scrive l’autore – si è rivelata molto efficace nel minacciare le istituzioni democratiche stabilite, molto meno quando si tratta di costruirne di nuove. È in grado di abbattere i vecchi sistemi di rappresentazione, ma resta da vedere se ( e quali) nuove strutture li sostituiranno. In questo discorso rientrano gli attacchi ai “media tradizionali”, che con il loro supposto impegno nei confronti di “imparzialità” e “oggettività” sono facilmente oggetto di scherno e denuncia a causa dell’ipocrisia o dei privilegi dei singoli giornalisti».

La parte più interessante del libro, ma per paradosso anche la più debole, è quella in cui Davies sostiene che «i fatti da soli non ci salveranno». Cioè non serve invocare oggettività e ragione per uscire dalla crisi mondiale che stiamo attraversando. Anzi. Per l’autore di Stati nervosi questa situazione potrebbe essere un’occasione.

«Quale speranza ci resta – scrive – nel momento in cui la frontiera del controllo tecnologico sulla natura continua a spostarsi e una prospettiva di allungamento della vita è sempre più personale e riservata a una minoranza? Per la mente razionalista, progresso significa soltanto avere di più… Ma la paura, il dolore e il risentimento non sono mai stati eliminati del tutto, né possono essere messi a tacere nel lungo periodo. In un periodo in cui queste caratteristiche intrinseche degli esseri umani sembrano di nuovo avere invaso la politica, dobbiamo cogliere l’occasione per ascoltarle e capirle, in alternativa a una contrapposizione tra più fatti da una parte e più bugie dall’altra».

L’intuizione di Davies è giusta e richiama molte analisi che da Freud arrivano al pensiero femminista sia sul rapporto mente e corpo, sia sugli elementi di irrazionalità che spesso muovono le scelte politiche. Ma oggi cosa vuol dire ascoltare e capire le pulsioni della folla? Senza cadere in banali contrapposizioni la sfida resta sempre quella di ridare valore e significato alle istituzioni e alle conoscenze della cultura democratica. Di meglio non abbiamo ancora trovato nulla. Di peggio abbiamo purtroppo sperimentato tantissimo.

 

Ultime News

Articoli Correlati