Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Trump non può bannare chi lo critica su Twitter

Decisione della Corte d'Appello contro il presidente Usa
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Trump non può bannare. Il presidente statunitense così impetuoso e suscettibile nella sua comunicazione in rete, non può più bloccare su Twitter gli utenti che lo criticano.

Lo ha stabilito la Corte d’appello del secondo circuito, a New York, evidenziando che una simile condotta del presidente costituirebbe una violazione del Primo Emendamento che, tra l’altro, garantisce la libertà di parola.

La Corte d’appello ha ribadito la linea espressa da una precedente sentenza. Il presidente utilizza Twitter per svolgere attività ufficiali.

Accettazione del dialogo

«Il Primo Emendamento non consente a un pubblico ufficiale che utilizza un account di social media, per tutti i tipi di finalità ufficiali, di escludere le persone da un dialogo online altrimenti aperto perché hanno espresso opinioni con le quali il funzionario non è d’accordo», ha scritto il giudice Barrington D. Parker motivando la decisione assunta dalla Corte all’unanimità.

Il contenzioso è nato dall’iniziativa legale di 7 utenti bloccati dall’account presidenziale realDonaldTrump dopo la pubblicazione di commenti sfavorevoli a The Donald nel 2017 e sbloccati in attesa della sentenza d’appello.

 

Ultime News

Articoli Correlati