Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Chiesti due anni per Marra

Caso nomine
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Il pm di Roma Francesco Dall’Olio ha chiesto 2 anni di reclusione per l’ex capo del personale in Campidoglio Raffaele Marra, accusato di abuso d’ufficio per la nomina di suo fratello Renato a capo del dipartimento Turismo del Comune. Per la stessa vicenda, lo scorso 10 novembre la sindaca Virginia Raggi è stata assolta dall’accusa di falso. Secondo l’accusa, il ruolo di Marra fu «assolutamente attivo», mentre «avrebbe dovuto astenersi». Un danno al tessuto sociale, secondo il pm: Marra aveva la possibilità di esercitare la sua influenza sulla nomina e lo fece il 26 ottobre del 2016 nel suo ufficio con l’ex assessore al Commercio Adriano Meloni e il responsabile del personale Antonio De Santis, quando si decise la nomina di Renato. Un «abuso» che ha consentito a Renato Marra di ottenere una nomina di terza fascia a scapito «degli altri concorrenti».

 

Ultime News

Articoli Correlati