Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Coraggio e disperazione di un premier rimasto solo

Se c’era bisogno di illuminare quanto la situazione politica fosse sfilacciata fin sull’orlo della irrecuperabilità, la conferenza stampa - ma meglio si dovrebbe dire l’accorato appello - del presidente del Consiglio l’ha chiarito senza ombre
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Con un riflesso di coraggio mischiato a disperazione, nel momento più difficile del suo percorso di governo Giuseppe Conte prova a rovesciare la condizione di minorità che l’ha accompagnato fin dal giuramento al Quirinale. Gioca l’ultima carta che gli rimane prima di arrendersi all’impossibilità di proseguire: dimostrare che da palazzo Chigi si può e si deve guidare la fase che porta alla scrittura della nuova, «complessa» legge di Stabilità con mano ferma e capace. A patto che ci sia quello che finora è mancato e che l’infinita campagna elettorale ha squadernato: la leale collaborazione tra i leader delle due forze di governo. Che non si esaurisce nelle dichiarazioni formali ma deve diventare prassi e impegno «senza prevaricazioni di ruoli e senza delegittimazioni continue».

Se c’era bisogno di illuminare quanto la situazione politica fosse sfilacciata fin sull’orlo della irrecuperabilità, la conferenza stampa – ma meglio si dovrebbe dire l’accorato appello – del presidente del Consiglio l’ha chiarito senza ombre. Ed ha sprigionato anche la paradossalità di un capo di governo costretto a servirsi dei microfoni rivolti ai media per richiamare chi lo sostiene al senso di responsabilità.

Appunto una debolezza sostanziale che Conte ora prova a ribaltare in un singulto di autorità. Nelle sue parole si è intuita l’eco delle preoccupazioni del Colle, il timore che l’Italia scivoli su un piano inclinato che porti all’assalto speculativo dei mercati e alla definitiva perdita di fiducia degli investitori. Conte ha ammesso di non aver intuito quanto la competizione per le urne Europee ( ma c’entravano anche le elezioni in quasi 4000 comuni, no?) avesse squilibrato gli assetti della maggioranza e quanto di conseguenza la situazione complessiva fosse sfuggita di mano. Il tentativo di riacchiapparla e riportarla sotto controllo è esercizio da acrobati. Conte non ha nulla da mettere in campo oltre sé stesso: «Non ci sto a vivacchiare». Dovesse gettare la spugna, ha lasciato intendere, non c’è che lo sbocco elettorale. Un azzardo. Chi lo persegue, dovrà dirlo con la stessa chiarezza usata dal premier.

 

Ultime News

Articoli Correlati