Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

«È stato un incidente nessun atto doloso». Corsa per le donazioni

Parigi, polemiche sui ritardi dei vigili del fuoco. L’ipotesi della procura: il fuoco divampato da una saldatura. Raccolti già 600 milioni di euro per la ricostruzione della cattedrale ma per gli esperti ci vorranno 10 anni
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

La procura di Parigi non ha molti dubbi, con buona pace dei dietrologi: il rogo della cattedrale di Notre- Dame è stato un incidente, un tragico incidente. Nessun attacco terrorista, nessuna volontà di distruzione, nessun atto vandalico, soltanto la mano invisibile e crudele del caso. Ma ci sono ancora molte domande che attendono risposta. Da dove è partito il primo focolaio dell’incendio? Perché i vigili del fuoco hanno impiegato così tanto tempo per intervenire? Quanti sono i danni effettivi e quanto ci vorrà per terminare la ricostruzione?

Il procuratore Rémy Heitz ha aperto un’inchiesta per “danneggiamento colposo” e ha stabilito gli interrogatori dei dipedenti delle cinque società che si stavano occupando del restauro della cattedrale: l’ipotesi più accreditata è che il rogo sia partito da una saldatura. Allo stesso tempo Heitz ha ricostruito in conferenza stampa la dinamica dei soccorsi: «C’è stato un primo allarme alle 18.20 ma non è stato constatato alcun principio di incendio. Alle 18.43 il secondo allarme e in quel caso è stato constatato un incendio a livello della struttura di legno che sosteneva il tetto».

Dopo aver lottato per tutta la notte contro le fiamme i pompieri sono per fortuna riusciti a salvare la struttura; se la grande guglia e il tetto sono andati distrutti, la navata centrale ha tenuto, mentre la gran parte delle opere d’arte è stata messa in salvo grazie all’intervento di una ventina di loro che ha combattuto il fuoco entrando dentro la chiesa e rischiando seriamente la propria vita.

Intanto è partita la corsa delle donazioni per ricostruire più in fretta possibile il capolavoro dell’architettura gotica, tra vip, industriali e istituzioni nella sola giornata di ieri sono stati raccolti 600 milioni di euro, cifra destinata a lievitare nei prossimi giorni anche se gli esperti dicono che ci vorranno alemno 10 anni per restituire Notre- Dame al suo splendore.

 

Ultime News

Articoli Correlati