Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Il Consiglio Ue adotta la direttiva sul copyright, con il no dell’Italia

Da recepire entro il 2021
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Il Consiglio dell’Unione Europea ha definitivamente licenziato la direttiva – approvata il mese scorso dal Parlamento europeo – sul copyright. Il testo, che aggiorna la legislazione dell’Unione in materia di protezione dei diritto di autore, non ha ricevuto il placet dell’Italia: la maggioranza qualificata è stata comunque raggiunta, con 19 sì, 6 contrari e 3 astenuti. Tra i contrari oltre all’Italia, il Lussemburgo, l’Olanda, la Polonia, la Finlandia e la Svezia. La norma prevede la cosiddetta “link tax” ( tassa sui link, che prevede che gli autori delle opere ricevano una quota dei proventi percepiti dagli editori, a loro volta pagati dalle piattaforme online che diffondono i contenuti) e un “upload filter” ( filtro per il caricamento dei contenuti, per cui le piattaforme online devono ottenere un’autorizzazione dai titolari dei diritti per utilizzare i contenuti). L’adozione della direttiva è l’atto finale di un dossier tra i più controversi della legislatura e ora i paesi europei hanno due anni per recepire nel loro ordinamento la nuova legge. Molto critico sul testo, il sottosegretario con delega all’Editoria, Vito Crimi: «E’ una cattiva notizia per l’editoria locale». Il senatore dei 5 Stelle definisce «briciole» le risorse che gli editori otterranno dagli over the top con questa direttiva, mentre invece avrebbero dovuto ottenere «i dati» degli utenti in loro possesso.

 

Ultime News

Articoli Correlati