Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

«Sono la madre ironica e moderna del mio amatissimo Giacomino»

Isa Danieli racconta lo spettacolo in scena al Sannazaro di Napoli
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Al Teatro Sannazaro di Napoli, in anteprima nazionale, ha debuttato Giacomino e Mammà di Santiago Carlos Oves e Jordi Galceran, nella traduzione e la regia di Enrico Ianniello che ne è anche protagonista in compagnia di una grande signora della scena Italiana: Isa Danieli. Prodotto da Teatri Uniti, lo spettacolo, in scena fino al 14 aprile, è stato accolto con grande successo dal pubblico che ha tributato applausi calorosi. Enrico Ianniello, attore e regista, con Giacomino e Mammà, ha tradotto, adattato e trasposto in una dimensione napoletana il testo. Che è tratto da Conversaciones con mamà, pluripremiato film dello sceneggiatore e regista argentino Santiago Carlos Oves, adattato in seguito per le scene internazionali dal drammaturgo catalano Jordi Galceran ( l’autore de Il metodo Gronholm).

Non nuovo a queste operazioni, è infatti il terzo testo catalano che Ianniello traduce per la scena in lingua napoletana, dopo Chiòve e Giocatori di Pau Miró, spettacoli che hanno calcato i palcoscenici italiani con grande successo e apprezzamento di critica e di pubblico.

La storia è uno spaccato di grande attualità. Giacomino, cinquantenne, ha perso il lavoro e si ritrova indebitato a causa delle eccessive richieste di consumo della moglie e dei figli adolescenti. La vendita dell’appartamento in cui vive la madre potrebbe risolvergli i suoi problemi ma lei non è affatto d’accordo perché ha finalmente un fidanzato più giovane, un simpatico sessantenne “anarco- pensionato” che irrompe nella sua vita e, in ogni caso, è determinata a mantenere la sua autonomia. Si sviluppa un confronto ironico, dal ritmo intenso ma che offre l’occasione per riflettere sull’amore madre- figlio che si presenta e riemerge in maniera prorompente, a tratti difficile. Le scene e i costumi dello spettacolo sono di Barbara Bessi, le luci di Lucio Sabatino, il suono di Daghi Rondanini. Lo spettacolo, dopo Napoli, sarà il 7 maggio al Teatro Diaghilev di Mola di Bari, dal 10 al 12 maggio al Teatro Gerolamo di Milano, atteso poi, per una lunga tournée italiana, nella prossima stagione teatrale 2019/ 2020.

Isa Danieli è la madre, ma nella sua carriera ha interpretato tanti personaggi. «Ho avuto – dice – dei bellissimi incontri nella mia vita. È molto difficile scegliere l’emozione che ogni personaggio mi ha dato, ciascuno è un personaggio a sé. Non c’è uno in particolare ma quello che ricordo volentieri è un piccolo personaggio che ho fatto con Eduardo de Filippo, fu un’emozione una straordinaria a 17 anni. Ecco però non posso sceglierne uno perché a tutti i personaggi interpretati ho dato sempre l’intera me stessa».

Per la prima volta con Teatri Uniti e con il regista Enrico Ianniello.

È un testo spagnolo ma adattato in una latitudine familiare napoletana: questo si può fare perché le due culture, quella spagnola e partenopea, sono così vicine, hanno in comune tante cose e soprattutto la passione. Con Enrico ci eravamo ripromessi di fare uno spettacolo insieme, ci siamo riusciti e sono contenta.

È la storia di un figlio senza lavoro che vorrebbe vendere la casa della madre ma lei non ci sta…

Infatti, questo è il momento cruciale in cui madre e figlio si attaccano “malamente”, si inizia a parlare di ciò che dovrebbe accadere ma lei non è d’accordo. Lei ama il figlio più di se stessa ma comunque gli chiede di rispettare la sua libertà e la voglia di vivere da sola. In questo duetto vengono fuori tante cose straordinarie della vita e anche dei due personaggi. Alla fine ci sono anche molti momenti di grande comicità.

Che tipo di madre è?

Sicuramente una madre ironica ma che appare anche più moderna e giovane del figlio. Siamo molto lontani dalle madri di Brecht, Eduardo De Filippo, Manlio Santanelli, che ho affrontato in precedenza. È una donna che, pur mantenendo tutte le caratteristiche che ti aspetti in una madre, soprattutto in quelle costanti e quasi maniacali attenzioni verso il figlio, circa il cibo, la salute, la vita coniugale, le economie familiari, riesce tuttavia a conservare una irresistibile ironia e una solidità di sentimenti tali da farle superare momenti particolarmente difficili nella relazione con l’amatissimo Giacomino.

 

Ultime News

Articoli Correlati