Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Trump non può bannare su Twitter?

Il caso torna in Tribunale
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Donald Trump rivendica il diritto di bloccare chi vuole su Twitter. E il caso torna in tribunale. Le abitudini del presidente degli Stati Uniti sono note: l’account realDonaldTrump è un megafono che The Donald usa ogni giorno, più volte al giorno, per inviare i propri messaggi ben oltre i limiti dei quasi 60 milioni di follower. Come un qualsiasi utente, però, Trump blocca gli è sgradito e impedisce al soggetto in questione di leggere i tweet e interagire.

A maggio dello scorso anno, però, il giudice Naomi Buchwald ha sentenziato che i commenti abbinati ai tweet presidenziali sono equiparabili ad un forum pubblico.

Bloccare gli utenti ed escluderli da spazi di interazione a causa delle loro opinioni è incostituzionale. Trump, secondo il giudice, dovrebbe rassegnarsi a leggere le repliche e i retweet di chi non lo sostiene. Tutto finito? No. I legali del Dipartimento di Giustizia sostengono che l’account in questione è una piattaforma personale del signor Trump e non un’estensione del governo federale. Il presidente, quindi, può decidere di silenziare i follower che non intende più ascoltare.

 

Ultime News

Articoli Correlati