Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Mare Jonio, indagato anche Luca Casarini. E per Lucano chiesto il processo

L'accoglienza nel mirino dei pm: l'ex leader no global accusato di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, così come il sindaco sospeso di Riace. Ed entrambi rifarebbero tutto
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Mentre la tendopoli di San Ferdinando brucia, uccidendo Noumo Sylla, 32enne proveniente dal Senegal, l’accoglienza finisce in tribunale. Ad Agrigento, dove il procuratore aggiunto Salvatore Vella e il sostituto Cecilia Baravelli hanno iscritto sul registro degli indagati il capo missione della Ong Mediterranea, Luca Casarini, per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e l’ordine disatteso di spegnere i motori della nave, gli stessi reati contestati al comandante della Mare Jonio, Pietro Marrone. E a Locri, dove la Procura vuole processare il sindaco dell’accoglienza, Domenico Lucano.

Casarini ieri è comparso davanti ai magistrati per un interrogatorio come persone informata dei fatti. Interrogatorio interrotto dopo sette ore, nel momento in cui i magistrati hanno deciso di indagare l’ex leader dei No Global, e rimandato alla prossima settimana, quando verrà risentito in presenza del proprio legale.

«Rifarei tutto – ha dichiarato Casarini a Radio Capital – Siamo sereni, abbiamo prodotto tutti i documenti che ci hanno chiesto e questa sarà una grande occasione di discussione per capire se vale di più una vita umana o delle disposizioni che, tra l’altro, non hanno nemmeno il rango di leggi costituzionali o convenzioni internazionali. Sarà un bel momento di discussione pubblica, che diventi anche un’occasione di riflessione del tema del salvataggio in mare, dell’assegnazione alla Libia di una zona Sar, del fatto che la Libia possa essere considerato un posto sicuro per coloro che vengono salvati in mare o che vengono ricatturati dai libici per andare nei campi di concentramento. Io ritengo di aver rispettato le leggi e la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo. C’è qualcun altro che ha violato la legge e sarà interessante dimostrarlo con questa indagine».

A Locri, invece, la richiesta di rinvio a giudizio è stata notificata giovedì sera ai 30 imputati, tra i quali il primo cittadino sospeso di Riace, ai quali vengono contestati, a vario titolo, l’associazione a delinquere, truffa con danno patrimoniale per lo Stato per oltre 350mila euro, abuso d’ufficio ottenendo un ingiusto vantaggio patrimoniale per oltre 2 milioni di euro, peculato distraendo fondi pubblici per oltre 2.400.000 euro, concussione, frode in pubbliche forniture, falso e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Per loro l’udienza preliminare davanti al gup Amalia Monteleone è stata fissata il primo d’aprile. Una notizia che arriva nello stesso giorno in cui la Cassazione ha annullato senza rinvio l’obbligo di dimora imposto a Lemlem Tesfhaun, difesa dagli avvocati Andrea Daqua e Lorenzo trucco. Secondo l’accusa, il sindaco sospeso e Tesfhaun avrebbero organizzato un finto matrimonio tra la donna e il fratello di lei, in Etiopia, grazie a certificati falsi, prodotti «per sfruttare lo status di coniugio con la donna, cittadina italiana, per ottenere l’ingresso in Italia». Certificati, ribadisce Lucano, veri, in quanto Tesfhaun solo erroneamente era stata registrata come coniugata. Il 27 febbraio scorso, inoltre, la Cassazione aveva accolto in parte il ricorso presentato dagli avvocati Antonio Mazzone e Andrea Daqua contro il divieto di dimora a Riace imposto a Lucano dal Riesame, annullando con rinvio l’ordinanza in merito alle esigenze cautelari e al reato di turbata libertà degli incanti.

«Per tutti i reati, tranne due, per i quali la Procura della Repubblica di Locri ha chiesto il rinvio a giudizio vi è stato, com’è noto, il rigetto, per assoluta insufficienza delle indagini, da parte del Gip della richiesta di misura cautelare formulata dalla Procura di Locri», ha evidenziato il sindaco sospeso. Per quanto riguarda i due capi d’imputazione per i quali il Gip di Locri aveva firmato il provvedimento cautelare, la Cassazione, in riferimento all’accusa di turbata libertà degli incanti, ha proceduto all’annullamento del provvedimento per mancanza di indizi e per entrambi i due capi d’imputazione ha annullato il provvedimento cautelare in ordine alle esigenze cautelari.

«Non ho paura di farmi processare – dice al Dubbio Lucano Il mio è un caso politico, ma sono tranquillo. Si tenta di dimostrare l’impossibile, perché io non ho toccato nemmeno un euro e anche il gip lo ha scritto. In 18 mesi d’indagine è emerso solo che vivo in una condizione di semi povertà. Il sistema che avevamo costruito in maniera spontanea aveva dimostrato ciò che sembrava impossibile, cioè che con i cittadini stranieri arrivano opportunità, non problemi. Abbiamo creato prospettive per il futuro, lavoro. Ora a Riace rimane il silenzio». In tanti, in questi mesi, gli hanno chiesto di candidarsi alle europee, invito che Lucano ha sempre rifiutato. «Posso continuare a fare ciò che faccio anche dal basso. Mi batterò sempre, magari come consigliere comunale, per dare continuità a quel che abbiamo fatto, ma non è importante, perché quando ho iniziato non ero nulla». E sull’annullamento della misura a Tesfhaun si dice soddisfatto. «È importante, perché indebolisce l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina – conclude – che le viene imputata in concorso con me. A questo punto tutti i reati ipotizzati nella richiesta di rinvio a giudizio dalla Procura della Repubblica di Locri sono stati ritenuti insussistenti, in parte dal Gip ed in parte dalla Corte di Cassazione. Le hanno fatto passare tutto questo, per cinque mesi, solo per un documento. E lo stesso a me».

Ultime News

Articoli Correlati