Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Scontri a Gaza, uccisi 3 palestinesi. Trump: “Andrò a Gerusalemme”

Venerdì di protesta in Medio Oriente. I soldati israeliani sparano
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

E’ di 3 palestinesi morti e 833 feriti il bilancio degli scontri nel quinto venerdì di protesta al confine tra la Striscia di Gaza e Israele di “gioventù ribelle. E’ l’ultimo bilancio fornito dal ministero della Salute della Striscia, citata dal quotidiano israeliano Haaretz. Si avvicina intanto il 14 maggio, la data indicata per il trasferimento dell’ambasciata Usa da Tel Aviv a Gerusalemme.

Nel corso della conferenza stampa con la cancelliera Angela Merkel, Donald Trump ha ribadito che potrebbe recarsi a Gerusalemme in quella occasione. “Potrei andare. Ne sono molto orgoglioso”, ha affermato il presidente Usa. Lo spostamento dell’ambasciata americana a Gerusalemme “è stato promesso per molti anni da molti presidenti. Hanno tutti fatto promesse elettorali che poi non hanno avuto il coraggio di mantenere. Io le ho mantenute e per questo potrei andare”, ha dichiarato Trump rivendicando anche il merito di aver ridotto il costo per lo spostamento della sede diplomatica.

Inizialmente sarebbe dovuto ammontare ad un miliardo di dollari mentre ora sara compreso tra 300.000 e 400.000 dollari. Trump aveva già espresso il desiderio di partecipare all’evento durante la visita a Washington del premier israeliano Benjamin all’inizio di marzo.

Per il quinto venerdì consecutivo i manifestanti si sono riuniti lungo la barriera al confine, rivendicando il ‘diritto al ritorno dei discendenti palestinesi alle terre espropriate in occasione della creazione dello Stato d’Israele nel 1948. Dal 30 marzo a oggi sono 44 i palestinesi uccisi nelle proteste. Oggi almeno 174 dei feriti sono stati raggiunti da proiettili esplosi dai militari israeliani, due di essi sono in condizioni critiche e 6 gravi. Diversi manifestanti hanno sfondato la recinzione di protezione almeno in tre punti, lanciando pietre contro i soldati israeliani, che hanno reagito sparando proiettili e gas lacrimogeni. Tra i feriti ci sono tre giornalisti.

Due delle tre vittime non sono state identificate, mentre la terza e un 29enne. Secondo Israele i manifestanti erano 12-14.000 e tra le 200 e le 400 persone hanno “pesantemente attaccato” la recinzione anche con bottiglie molotov, bruciandone una parte.

Ultime News

Articoli Correlati