Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Avvocati, giornalisti e toghe per la prima volta insieme: «Erdogan, smettila di calpestare i diritti umani»

La visita a Roma del presidente turco
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Una di quelle giornate in cui il “punto di tenuta” viene messo severamente alla prova. Sul piano politico, diplomatico, persino dell’ordine pubblico. Così è per la visita in Italia del presidente turco Erdogan, culminata negli incontri con Papa Francesco, il presiden-È te della Repubblica Sergio Mattarella e il premier Paolo Gentiloni. Un confronto ai più alti livelli sul quale fa sentire tutto il suo peso il tema dei diritti umani. E a segnalare il livello di tensione raggiunto, anche rispetto ai negoziati tra Ankara e Ue, interviene una lettera al Quirinale, firmata congiuntamente dai vertici di magistratura, avvocatura e giornalismo italiani. Un passo inedito e dal grande significato, che richiama «le continue violazioni dei diritti e le ripetute epurazioni» di cui si è reso artefice il governo turco.

Una linea che, si legge nella lettera a Mattarella sottoscritta dai presidenti dell’Anm Eugenio Albamonte, del Cnf Andrea Mascherin e della Fnsi Giuseppe Giulietti, desta «grande preoccupazione». Si ricorda che «magistrati, giornalisti, avvocati, insegnanti, funzionari pubblici, medici, militari sono stati licenziati, in molte occasioni arrestati, e ancora si trovano in stato di detenzione in assenza di contestazioni puntuali delle condotte a loro attribuite e in uno stato di sospensione dei diritti difensivi».

Il documento congiunto ha un grande rilievo. Pari alla delicatezza delle questioni affrontate nei tre vertici, i due tenuti in mattinata col Pontefice in Vaticano e con il Capo dello Stato al Quirinale, e poi quello del pomeriggio a Palazzo Chigi. È un richiamo al nodo sul quale si avvitano le aspirazioni di Ankara a una «piena adesione» all’Europa dei ventotto: ossia la negazione dei diritti che Bruxelles poche ore fa ha annunciato di voler rammentare ancora una volta a Erdogan in un nuovo rapporto.

«È essenziale che il richiamo venga da avvocati, magistrati e giornalisti», fa notare Mascherin, «perché si tratta delle tre categorie più colpite dalla repressione, come avviene in ogni circostanza in cui i diritti sono violati. E perché il fatto che vengano arrestati i magistrati indisponibili ad allinearsi al regime e gli avvocati che osano difendere gli avversari politici del governo dimostra come ad oggi non sia riconosciuto in Turchia il diritto a una difesa libera, a un processo che non sia una farsa, e come dunque venga a mancare uno dei principali pilastri dello Stato di diritto», ricorda il presidente del Consiglio nazionale forense.

Avvocati, magistrati e giornalisti italiani si mobilitano insieme dunque a sostegno dei colleghi perseguitati da Ankara. Nella lettera al Colle, auspicano che «nel corso degli incontri istituzionali, e nelle forme da Lei ritenute più idonee, venga posta attenzione alla questione dei diritti umani violati e si solleciti la liberazione delle persone ingiustamente detenute». Un documento che Sergio Mattarella ha letto con attenzione e di cui «ha preso atto». Anche allo sguardo preoccupato del presidente della Repubblica, la posizione espressa da Albamonte, Mascherin e Giulietti è parsa coerente con la linea tenuta dal governo italiano. Roma resta ferma nel proprio atteggiamento costruttivo ma indisponibile a sorvolare sulle violazioni.

Al Quirinale, Recep Tayyip Erdogan ha avuto con il Capo dello Stato italiano un colloquio durato circa 50 minuti. Mattarella gli ha puntualmente rappresentato, secondo quanto si è appreso, la questione dei diritti. Lo ha fatto alla presenza del ministro degli Esteri Alfano, per poi intrattenersi a colazione con il presidente turco. Un confronto che l’agenzia di Ankara Anadolou riassume in modo asciutto, con il solo generico riferimento alle «relazioni tra l’Italia e la Turchia» come oggetto della discussione. Ma i temi affrontati sono gli stessi riecheggiati per l’intera giornata italiana del presidente di Ankara: dal confronto con Gentiloni e gli altri rappresentanti del suo esecutivo ( Roberta Pinotti, Carlo Calenda e lo stesso Alfano), durato oltre un’ora, a quegli stessi 50 minuti in cui Erdogan è rimasto solo con il Papa, primo leader di Ankara a incontrare il capo della Chiesa cattolica.

Era inimmaginabile, per l’esecutivo turco, che dal’Italia arrivassero esortazioni diverse da quelle di ieri. Impossibile anche per la situazione richiamata, nella lettera congiunta a Mattarella, da Associazione nazionale magistrati, Cnf e Federazione nazionale della Stampa. Una stasi negativa che «viola i principi fondamentali dello Stato di diritto ed è stata ripetutamente segnalata da tutta la Comunità internazionale», ricorda il documento unitario. Ecco perché i vertici di magistratura, avvocatura e giornalismo hanno ritenuto «opportuno», come si legge nel messaggio al Colle, «evidenziare nuovamente questa emergenza in occasione della visita» di Erdogan.

Che non è stato un soffio lieve neppure per le tensioni provocate sul piano dell’ordine pubblico. Proprio il primo dei tre incontri di ieri, quello in Vaticano, è stato accompagnato da momenti complicati, seguiti al sit– in che la Rete Kurdistan Italia ha organizzato a Castel Sant’Angelo, a poche centinaia di metri da San Pietro. In particolare quando alcuni esponenti dei centri sociali hanno cercato di forzare l’imponente blocco delle forze dell’ordine ( schierati in tutto oltre 350 uomini) nel tentativo di dirigersi verso la Basilica. Tentativo respinto dalla polizia, che ha fermato due persone. «Non è un caso che operatori del diritto e stampa si trovino uniti in questa denuncia», spiega Mascherin. «Nelle repressioni gli avvocati sono colpiti giacché danno voce al cittadino nei confronti di chiunque, così come i giornalisti denunciano le prevaricazioni di chiunque, nei limiti del diritto: ecco perché un regime che limita la libertà sopprime innanzitutto le nostre voci».

 

Ultime News

Articoli Correlati