Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Regionali Lazio, Avenali: «Smentiamo le balle grilline su rifiuti e vitalizi»

«I cittadini sanno che abbiamo ben governato, ma dobbiamo lottare contro le fake news»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

«Nessuna paura, ci presentiamo con la forza del lavoro svolto in questi cinque anni». Cristiana Avenali, candidata alla regione Lazio e consigliera uscente in quota Zingaretti, ne è convinta: «I cittadini sanno che abbiamo ben governato, ma dobbiamo lottare contro le fake news del Movimento 5 Stelle in campagna elettorale».

Consigliera, teme l’effetto Roma su queste elezioni regionali?

Assolutamente no. Ho iniziato questa campagna elettorale nei mercati, raccontando il lavoro fatto in questi 5 anni di governo del Lazio, e ho ascoltato le lamentele delle persone: quando si cita Zingaretti, però, tutti riconoscono che è stata una legislatura di buon governo, che ha cambiato il Lazio. Nulla a che vedere con il clima delle comunali romane.

Roberta Lombardi sta facendo una campagna elettorale tutta all’attacco, a partire dai vitalizi.

Non sa quanto mi arrabbio, è una falsità. Noi consiglieri eletti nella scorsa legislatura non li percepiamo e, anzi, io e alcuni altri abbiamo rinunciato anche agli accantonamenti di fondi per la pensione contributiva. Diciamolo una volta per tutte: i vitalizi non esistono più e chi lo dice fa disinformazione.

Lei proviene da Legambiente. Quanto peserà sul voto il caos rifiuti?

Attenzione, bisogna fare dei distinguo. A livello regionale il Lazio è passato dal 26% al 42% di raccolta differenziata, con un incremento del 5% nell’ultimo anno. E questo risultato è stato possibile nonostante il fatto che Roma – che produce la metà dei rifiuti della regione – l’abbia incrementata solo dell’ 1%. La Regione ha messo in campo una politica virtuosa e di prospettiva, stabilendo che non servono nuovi termovalorizzatori ma che bisogna puntare sulla differenziata e introducendo la tariffa puntuale, una tassa basata sulla quantità di rifiuti prodotta e non più sulla metratura della casa e il nucleo familiare.

Eppure con il sindaco di Roma il duello è aperto. Dice che la Regione non ha aggiornato il piano per i rifiuti.

Peccato che le cose non stiano così. La Regione ha avviato la procedura di rinnovo del piano, chiedendo a ogni comune di indicare i luoghi di smaltimento. E’ stato il comune di Roma a non rispondere, impedendo di fare una programmazione adeguata.

Nonostante questo i 5 Stelle guadagnano consensi. Come si contrastano?

Loro fanno una campagna che si basa sulle paure e sul rancore, noi puntiamo sulla verità dei risultati fin qui raggiunti e che vanno portati avanti. Abbiamo preso una Regione distrutta, famosa per gli sprechi, e abbiamo gestito l’emergenza creando sviluppo. Un dato su tutti, oggi le fatture della Regione vengono pagate a 30 giorni, contro gli oltre 1000 giorni della gestione precedente.

 

Ultime News

Articoli Correlati