Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Trump licenzia il capo del Fbi che indagava su di lui

James Comey stava seguendo la vicenda del "Russiagate", il presidente lo silura: «Ora ci vuole qualcuno che segua le direttive del Dipartimento di giustizia»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Con un colpo di scena, il presidente americano Donald Trump ha licenziato ieri il direttore dell’Fbi, James Comey, che stava indagando sul ‘Russiagate”, ovvero sulle possibili collusioni tra lo staff del miliardario e il Cremlino durante la presidenziali Usa. L’annuncio è stato affidato ad un comunicato della Casa Bianca dove si sottolinea la necessità di “ricostruire la fiducia nella più importante agenzia di sicurezza del Paese. Questa giornata – si legge nella nota – segna un nuovo inizio per il gioiello della corona dei nostri apparati giudiziari. La ricerca del nuovo direttore inizierà immediatamente”. L’amministrazione ha accusato Comey di non aver gestito in modo appropriato l’inchiesta sullo scandalo delle email che ha travolto l’ex rivale democratica di Trump nella corsa per la Casa Bianca, Hillary Clinton, rea di aver utilizzato un server di posta privato quando era segretario di Stato. Eppure Trump aveva lodato il coraggio di Comey, durante le presidenziali, per aver reso nota l’apertura di un dossier sulla Clinton lo scorso 28 ottobre, pochi giorni prima del voto che lo ha incoronato. Comey, la scorsa settimana, durante un’audizione in Senato, ha difeso la sua decisione di rendere pubblica l’inchiesta sulla Clinton. Ha però fatto anche dichiarazioni imprecise che sono poi state rettificate per iscritto, offrendo cosi il fianco a Trump che lo ha licenziato in tronco.

“Sebbene io abbia molto apprezzato il fatto che tu mi abbia informato, in tre diverse occasioni, di non essere sotto inchiesta, concordo tuttavia con il giudizio del dipartimento di Giustizia nel ritenere che tu non sia in grado di guidare in modo efficace il Bureau”, ha sentenziato Trump nella lettera di mezza paginetta con cui ha dato il benservito a Comey. La Casa Bianca ha fatto sapere che l’uscita di scena di Comey è stata caldeggiata dal procuratore generale Jeff Session (potenzialmente coinvolto nelle indagini sul Russiagate) e dal suo vice Rod J. Rosenstein. Comey, 56 anni, era stato nominato nel 2013 dall’ex presidente Barack Obama e il suo mandato scadeva nel 2023. Poichè Comey è stato licenziato con effetto immediato, secondo le normali procedure dell’agenzia, ad assumere le redini ad interim dovrebbe essere il suo vice, Andrew G. McCabe.

Ultime News

Articoli Correlati