Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

De Magistris non vuole visite al campo rom che sembra un lager

Napoli, il comune impedisce a una delegazione guidata da padre Zanotelli di entrare nella struttura circondata da guardie private e dove per Amnesty International è in corso una «segregazione razziale»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Sgomberi forzati dei campi rom, interdizione durante la giornata di Pasqua ai religiosi nel campo attrezzato dal Comune definito un “lager” da Amnesty International. Non parliamo di un comune del nord sotto la guida di un’amministrazione leghista, ma del comune di Napoli amministrato da Luigi De Magistris, l’ex magistrato definito un rivoluzionario e promotore dello zapatismo in salsa partenopea.

Terminologie e narrazioni che provengono dal periodo no global quando c’era un forte movimento variegato che si opponeva alla globalizzazione economica. Il paradosso vuole che ad essere molto critico alla politica di accoglienza – tanto da subirne le restrizioni– del comune di Napoli è padre Alex Zanotelli, uno dei principali protagonisti durante il periodo no global. Il padre comboniano da alcuni anni opera nella zona partenopea per aiutare i poveri e gli emarginati. E tra di loro ci sono anche i rom, eterne vittime di stigma e speculazioni politiche trasversali.

Per la vigilia di Pasqua, padre Zanotelli, assieme al gesuita Domenico Pizzuti, il pastore valdese Thesie Mueller e quello battista di via Foria Jiame Castellanos, sono giunti con la loro delegazione al campo rom allestito in via del Riposo, ma un vigilante li ha bloccati al cancello: «Senza il permesso del Comune non potete entrare». Il campo è stato allestito di fronte al cimitero di Poggioreale, è circondato da una recinzione e controllato dalle guardie giurate. È composto da container collocati a un metro e mezzo l’uno dall’altro, con il livello del terreno che si è abbassato con il rischio che d’inverno diventi una sorta di grande piscina che entrerà nei container.

Amnesty International è intervenuta per voce di Catrinel Motoc. È romena, proviene da Londra ed è a Napoli per monitorare la situazione e riferire ad Amnesty sulle politiche sociali del comune. «Sono stati violati i diritti dell’uomo – denuncia la Motoc , il campo in via del Riposo è un atto di segregazione razziale. Amnesty si rivolgerà alla Commissione Europea dove dal 2012 è in corso una procedura contro l’Italia per discriminazione del popolo rom».

Il campo è stato allestito per ospitare una piccolissima parte ( un centinaio) dei rom sgomberati forzatamente dal campo del quartiere Gianturco che ne ospitava millequattrocento. Fino a qualche settimana fa lì sorgeva una numerosa comunità composta da tanti bambini rom che frequentavano le scuole. Da tempo gli abitanti del campo di Gianturco erano stati avvisati più volte dell’imminente sgombero, dell’arrivo della ruspa.

La polizia municipale aveva preparato il terreno: sequestrato il mercato, le automobili, addirittura buttato il cibo che la Caritas aveva distribuito agli abitanti. Il 7 aprile scorso alla fine le ruspe si sono messe in azione ed è avvenuto lo sgombero dell’intera comunità. Una parte è stata trasferita nel campo attrezzato vicino al cimitero, l’altra, la più numerosa, è allo sbando. «C’è chi è stato ospitato da alcuni amici ma dovrà presto trovare casa, c’è qualcuno che ha preso in affitto una abitazione – pochi, in verità.

Altri vivono da qualche giorno all’addiaccio, alla stazione, due famiglie dormono in macchina, anche con malati di cuore, bimbi piccoli, donne incinte», denuncia padre Alex Zanotelli. Questo è la politica dell’accoglienza della giunta di De Magistris, un’amministrazione che ha l’etichetta affascinante e suggestiva “Anomalia- Napoli”. Un’etichetta alternativa, di sinistra, che è sotto i riflettori delle associazioni che si occupano dei diritti umani.

Ultime News

Articoli Correlati