Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Mediaset e Consulta, il paso doble del Cavaliere

La strategia del leader forzista viaggia su due binari ed emergerà dopo la sentenza sull'Italicum
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

È possibile, in un settore qualsiasi, impostare una strategia basandola su un elemento che rimane muto nell’ombra e poi all’improvviso emerge risultando vincente? Negli scacchi sì, ed è una delle soddisfazioni maggiori per chi gioca. Chissà se lo schema si può trasferire anche in politica. Fatto sta che osservando le mosse di Silvio Berlusconi è proprio quel meccanismo che viene in mente. Ad una analisi superficiale, infatti, risulta che il centro della scacchiera, da dove poi allestire l’attacco definitivo, se lo contengono Matteo Renzi e Beppe Grillo, ciascuno puntando appena possibile ad occupare gli spazi lasciati dall’altro. Qua e là cerca di far capolino Salvini, subito ricacciato indietro. E Silvio? Silente. Interessato ad altre mosse: quelle di Bollorè innanzi tutto. Fortemente proteso a salvaguardare il patrimonio Mediaset e altrettanrto fortemente disinteressato ai giochi di Palazzo. E’ accaduto in occasione del referendum costituzionale, e la voluta sordina è stata letta come un appoggio sotterraneo agli obiettivi dell’allora premier. Sbagliato. Il refrain si ripropone ora sulla riforma elettorale e ogni lettura restroscenista rischia di portare fuori strada. Meglio riprendere la pista Vivendì. Non c’è dubbio infatti che la tutela del patrimonio aziendale è in cima alle preoccupazione dell’ex Cav: è così da sempre e non è certo adesso il momento di mollare. Ne risulta che gli occhiali giusti da inforcare sono quelli che fanno trasparire l’intenzione di Arcore di privilegiare qualunque soluzione e qualunque intesa che serva a raggiungere l’obiettivo di sterilizzare gli attacchi d’Oltralpe. Per intenderci: se per centrare quel bersaglio è opportuno che Gentiloni arrivi fino al 2018, lesti ad innalzare i vessili per il no ad elezioni anticipate. Se invece le cose cambiano fino a trasfigurarsi, perché impedire il ricorso alle urne?

Già: e la politica? Per Berlusconi, è questa la politica. Tutto il resto è come l’intendenza di De Gaulle: seguirà.

Naturalmente tenendo ben chiari gli interessi che l’azione di Forza Italia può garantire. E qui torniamo al discorso di prima: ma con qualche elemento di chiarezza in più. Partiamo, infatti, dal consenso elettorale berlusconiano che vive una paradossale condizione. Se viene impiegato nei ballottaggi, infatti, serve a far vincere l’avversario del Pd, cioè i grillini. Se invece viene contabilizzato ai fini delle intese di Palazzo, lo schema si rovescia: è un bottino in seggi che ha un peso dirimente solo se usato nel dialogo- confronto con il Nazareno. Qualunque sia la partita, insomma, un dato è ineliminabile: quel centro della scacchiera che sembra appannaggio di forze estranee a quelle forziste in realtà può essere conquistato solo grazie ai voti di FI. Un paradosso, appunto. Però assai conveniente per Silvio, che può fare come Brenno e decidere quale piatto della bilancia far prevalere.

Naturalmente i tentacoli rivolti ai Cinquestelle sono i più sdrucciolevoli e, allo stato, è praticamente impossibile che possano stringere la preda. Perciò non rimane che il Pd. Infatti non certo a caso Berlusconi ha in più occasioni caldeggiato un governo di larghe intese per il dopo urne assieme ai Democrat. E il sistema elettorale tedesco, anche qui non a caso, è in cima alle preferenze del leader del centrodestra. Ma attenzione: la strategia in realtà è più sottile e più complessa. Infatti sul piatto dell’eventuale intesa con Renzi o chi per lui, e sempre tenendo ben conto della priorità di Mediaset, Berlusconi adombra di poter arrivare a mettere perfino l’abbandono dello schema che l’ha reso vittorioso negli anni d’oro: l’asse di ferro con la Lega. La generosità non c’entra: caso mai la scaltrezza. Perché l’offerta rompere con il Caroccio salviniano consente anche di porsi come baluardo moderato rispetto all’offensiva populista e della destra lepeniana; terminale del Ppe in Italia; calamita dei tanti spaventati da Grillo ma che piuttosto che votare a sinistra sono pronti a disertare a vita i seggi elettorali. In fondo l’operazione recupero rivolta verso Stefano Parisi ha anche questo sapore. E poi, all’occorrenza, si può sempre cambiare schema: Silvio in questo è un maestro.

Si vedrà. Per adesso sono esercizi di riscaldamento; il match vero comincerà solo dopo il verdetto della Consulta sull’Italicum. Ma il sudoku che più di tutto interessa Berlusconi è cominciato da mesi. Il primo step è stato il sorriso stampato sui volti dei parlamentari al momento del voto di fiducia al governo Gentiloni. Votavano no ma piuttosto contenti di sapere che avrebbero perso. Adesso tocca a Renzi. Il doppio turno è un azzardo che può trasformarsi in una rovina: lo sa lui e lo sa anche Silvio. Mentre il proporzionale rappresenta un cedimento troppo grande. Serve una via di mezzo: Silvio è nella modalità wait and see. E Mediaset? Ci pensa Confalonieri. Al referendum si è speso per il Sì. E poi come dimenticare che con l’attuale premier esiste una entente cordiale dai tempi in cui era titolare delle Comunicazioni nel governo Prodi? Un incarico durato due anni…

Ultime News

Articoli Correlati