Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Smart working, slitta al 1° dicembre il termine per le comunicazioni sul personale interessato

Smart working, proroga per le comunicazioni
Sarebbe intervenuta oggi la scadenza per trasmettere le informazioni sui dipendenti collocaio in modalità “agile”: il ministero del Lavoro ha concesso un mese in più di tempo ai datori di lavoro (titolari di studi professionali inclusi)
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Gli avvocati che hanno alle loro dipendenze personale in smart working avranno più tempo per l’invio della comunicazione di lavoro agile. La scadenza è stata prorogata al 1° dicembre. In caso di inadempienza, sono previste sanzioni da 100 a 500 euro per ciascun lavoratore.

È quanto ha stabilito il ministero del Lavoro, che ha diffuso a riguardo un comunicato in cui annuncia appunto la proroga per l’invio delle comunicazioni relative ai nuovi casi di personale destinato a operare in modalità “da remoto”. La scadenza precedentemente fissata sarebbe intervenuta oggi, 1° novembre.

La decisione dello slittamento è legata soprattutto all’inoperatività del servizio Rest, a sua volta dovuto  a un invio  massivo di comunicazioni.

Un mese in più, dunque, per trasmettere le comunicazioni obbligatorie per il lavoro agile previste nel caso di nuovi accordi o modifiche. Poi l’adempimento effettivo andrà eseguito entro 5 giorni. L’omessa comunicazione comporta l’irrogazione, come detto, di una sanzione amministrativa pecuniaria da 100 a 500 euro.

Come stabilisce il decreto Semplificazioni, chiunque abbia personale alle proprie dipendenze, dalle imprese ai titolari di studi professionali, potrà limitarsi a indicare i nominativi dei lavoratori interessati allo smart working e le date di inizio e fine della prestazione, senza necessità di allegare l’accordo individuale.

Attenzione però: l’obbligo della sottoscrizione dell’accordo individuale resta valido, accordo che va conservato per 5 anni dal datore di lavoro.

Resta attiva la modalità semplificata, prorogata al 31 dicembre 2022, che, ricordiamo, è stata introdotta dal decreto Aiuti bis, e che consente di attivare lo smart working senza dover sottoscrivere l’accordo. Questa procedura può riguardare però solo le comunicazioni  relative a periodi di lavoro agile che terminano il 31 dicembre 2022.

Nei casi di estensione temporale oltre il 31 dicembre, e qualora siano stati sottoscritti accordi individuali, i datori di lavoro dovranno utilizzare la procedura ordinaria.

Ultime News

Articoli Correlati