Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Berlusconi: «Casellati alla Giustizia: Meloni ha detto sì»

forza italia berlusconi
Il Cav assicura che c'è l'accordo su Via Arenula: «Oggi incontro Nordio per conoscerlo e vedere qual è l’apporto che può dare alla riforma della giustizia»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Giorgia Meloni «mi ha chiesto di incontrare Nordio. Lo stimo ma non credo che mi convincerà». Silvio Berlusconi non molla sul ministero della Giustizia, e prima di incontrare l’ex magistrato fa sapere che il nome di Forza Italia per Via Arenula è uno soltanto: Maria Elisabetta Casellati.

Meloni ha detto sì, sul nome di Casellati? «Sì, sì. L’accordo è stato trovato assolutamente», replica sicuro il Cav. «Nordio lo incontro per conoscerlo e vedere qual è l’apporto che può dare alla riforma della giustizia», spiega l’ex premier. Ma «sono già convinto della scelta della Casellati». «Su questo c’è l’accordo – ribadisce però Berlusconi – Conosco le cose che ci sono da fare come riforma della giustizia».

Da parte sua Nordio assicura che «se Berlusconi vuole incontrarmi sarà un grande piacere e un onore». Il neo deputato di Fratelli d’Italia precisa di essere stato agli uffici del gruppo del partito alla Camera non per vedere Giorgia Meloni ma «per le pratiche amministrative di un neofita». E conferma così la disponibilità al colloquio prospettato oggi dal leader di Forza Italia.

Berlusconi: «Ho riallacciato i rapporti con Putin»

«Ho riallacciato i rapporti con il presidente Putin, un po’ tanto», avrebbe poi detto Berlusconi, secondo quanto apprende LaPresse, durante il suo intervento alla riunione dell’assemblea di Forza Italia alla Camera per l’elezione del capogruppo. «I ministri russi hanno già detto in diverse occasioni che siamo noi in guerra con loro, perché forniamo armi e finanziamenti all’Ucraina. Io non posso personalmente fornire il mio parere perché se viene raccontato alla stampa viene fuori un disastro, ma sono molto, molto, molto preoccupato».

«Putin per il mio compleanno mi ha mandato 20 bottiglie di vodka e una lettera dolcissima. Io gli ho risposto con bottiglie di Lambrusco e con una lettera altrettanto dolce. Io l’ho conosciuto come una persona di pace e sensata…», avrebbe raccontato l’ex premier. Che poi smentisce la notizia, spiegando di aver raccontato ai parlamentari una vecchia storia relativa a un episodio risalente a molti anni fa.

 Meloni-Berlusconi, dal vertice un nome per la Giustizia: Casellati. Ma Nordio resta in corsa

Ultime News

Articoli Correlati