Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Le tre piazze “pacifiste” e il settario manicomio della sinistra

piazze pacifiste ucraina
Ognuno per sé, in ordine sparso: da una parte Letta e il Pd, al sit-in di giovedì davanti all'ambasciata russa, dall'altra Conte e Landini che chiedono il disarmo. E la terza piazza a Calenda, a sostegno della resistenza di Kiev
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Un tempo circolava la battuta che con quattro trotzkisti puoi ottenere cinque correnti politiche. Gli amabili resti della sinistra italiana però sono addirittura riusciti a fare di meglio, moltiplicando l’offerta: tre manifestazioni “per la pace” in tre diverse piazze.

Da Conte a Calenda, le tre piazze pacifiste

C’è il raduno della strana coppia Giuseppe Conte e Maurizio Landini che chiedono negoziati subito, c’è il sit-in di Enrico Letta e il Pd davanti l’ambasciata russa, c’è l’iniziativa di Carlo Calenda e Azione a sostegno della resistenza di Kiev. Che la guerra in Ucraina avrebbe spappolato il movimento pacifista e per metonimia la sinistra tutta, si era capito fin dallo scorso febbraio, dalle tiepide reazioni di molti politici, giornalisti e intellettuali oscillanti tra l’equidistanza e lo schietto disprezzo per Volodymir Zelensky “criminale quanto e più di Putin”, sciocca pedina nelle mani della minacciosa Nato, presidente di una nazione che pullula di “nazisti”.

La piazza di Conte e Landini

Una presa di posizione che introietta la propaganda del Cremlino, che rende ambiguo qualsiasi petizione di principio e trasforma ogni nobile appello alla pace nell’indegna richiesta di resa agli ucraini. Perché il nocciolo della manifestazione Conte-Landini è proprio questo: basta con armi occidentali, basta resistere, sedetevi intorno a un tavolo e accontentate lo zar.

Di fronte a una piattaforma così indigesta Letta e Calenda avrebbero fatto buona cosa scendendo in piazza uno a fianco all’altro per ribadire la solidarietà agli aggrediti e la condanna degli aggressori. Niente affatto: ognuno per sé, in ordine sparso, come gruppetti trotzkisti, ognuno preoccupato di innaffiare il proprio striminzito giardino.

Leggi anche: Non c’è vera pace senza verità. Non c’è verità senza libertà

Ultime News

Articoli Correlati