Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Salvini rompe (di nuovo) il silenzio: «Non vedo l’ora di governare»

salvini vota
Il leader leghista dopo il voto a Milano: «Conto che la Lega sia una forza parlamentare sul podio: gioco per vincere, non per partecipare»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

«Posso solo ringraziare tutti gli italiani che voteranno, perché oggi sarà una bella giornata di partecipazione. Più gente vota, più l’Italia sarà forte e la politica sarà legittimata. Quindi, grazie – a prescindere da chi voteranno – a tutti coloro che lo faranno. Da domani non vedo l’ora di tornare a governare questo straordinario Paese con una squadra coesa, compatta coerente e di centrodestra. Saranno mesi complicati, con l’emergenza luce, bollette, carovita, riscaldamento che è la prima. Più gente vota più forza avrà il nuovo Parlamento e il nuovo governo per intervenire sulle emergenze che non mancheranno». Il leader della Lega, Matteo Salvini  si ferma a parlare con i giornalisti e rompe (di nuovo) il silenzio elettorale  dopo aver votato nel seggio di via Pietro Martinetti, a Milano.

«Noi siamo già al lavoro da settimane con i tecnici della Lega per essere pronti e reattivi in Italia e in Europa. Per la Lega questa è la prima grande battaglia da affrontare e vincere», ha detto il leader del Carroccio. «Conto che la Lega sia una forza parlamentare sul podio: prima, seconda o terza al massimo», ha aggiunto. «Da domani basta chiacchiere e dagli impegni si passa ai fatti, noi abbiamo le idee chiare. Quando gli italiani votano il voto è sacro», ha ribadito. E a chi gli chiedeva se il quarto posto sarebbe una sconfitta, Salvini ha replicato: «Gioco per vincere, non per partecipare».

La Lega rompe subito il silenzio elettorale e accusa il Pd: «Ecco chi prende i rubli»

Già ieri il partito di Salvini aveva violato il silenzio elettorale con post contro i dem pubblicato sul profilo Instagram del partito: «Il Pd ha aperto questa campagna elettorale con un suo alto dirigente che grida per strada “in ginocchio, vi ammazzo, vi sparo”, è proseguita con le candidature di odiatori di Israele, si è caratterizzata per il fango, le falsità, la voglia di nuove tasse e più sbarchi, la scelta di evitare il confronto con la Lega», recita il post in cui viene allegata una foto del comizio di Enrico Letta a piazza del Popolo, a Roma, di Ieri. Sullo scatto appare un militante con una bandiera rossa con tanto di falce e martello. Per il Carrocio basta a dire:  «Ieri Letta ha chiuso con un flop in Piazza del Popolo davanti a una bandiera dell’Unione sovietica. Il vessillo comunista è finalmente una piccola grande verità: ricorda a tutti qual è stato l’unico partito ad aver incassato dei rubli insanguinati, altro che ingerenze russe nel 2022. Domani decideranno gli italiani. Credo nella Lega!», si legge sul post, in cui si prova a ribaltare, in maniera del tutto arbitraria, l’accusa rivolta al Carroccio in campagna elettorale .

 

 La Lega rompe subito il silenzio elettorale e accusa il Pd: «Ecco chi prende i rubli»

Ultime News

Articoli Correlati